CROWDFUNDING FA BOOM!

SAI COS’E’ IL CROWD FOUNDING (CF)?

crowdfunding fa boomNon è altri che un processo di collaborazione popolare (tradotto significa appunto “raccolta di fondi dalla folla“). Viene effettuato da un gruppo di persone che condividono parte dei propri fondi per supportare idee di privati e organizzazioni di ogni genere. È un processo di finanziamento in perfetto stile “Sharing economy” che tanto ci sta a cuore.
I processi a cui può riferirsi sono molteplici, da quelli solidali in occasione di tragedie umanitarie, alla preservazione artistica, alla ricerca scientifica, fino alle occasioni a fini d’investimento come per le start-up innovative.

Quanto vale il crowdfunding in Italia?

La rete agevola di molto il processo d’incontro delle parti coinvolte nel progetto. Il fenomeno, nel 2016, è valso circa 70 Mln di Euro! Sono stati realizzati già diverse decine di portali, mentre l’estero vive un ininterrotto boom, da anni, best crowdfunding da noi cresce meno velocemente! Il più grande e apprezzato sito di Crowdfunding al mondo, da cui sono nati tutti gli altri, è certamente “kickstarter“. Visitalo per apprezzarne la moltitudine di idee e opportunità, tradotte in progetti in cerca di finanziatori in giro per il mondo! 

In Europa, il CF nel 2015 ha raccolto 5,43 miliardi di euro, in crescita del 92% rispetto al 2014. Rispetto al 2013 il valore è più che quadruplicato. L’Italia è solo ottava, dietro a Spagna e Belgio, oltre che a Francia e Germania. Il ritardo è dovuto ad un fattore culturale sull’Internet investing e all’arretratezza delle tecnologie. Sono fattori che saranno superati rapidamente, e per questo motivo riteniamo che il mercato sia molto appetibile. I rischi sono limitatissimi, soprattutto dopo le modifiche regolamentari introdotte dalla CONSOB.  

Validissimi esempi italiani di CF sono: CrowdFounding.it , Crowdfoundme.it e Rete del dono che ti invito a visitare per comprenderne meglio l’innovativo funzionamento.

In sintesi, sono portali “accreditati” CONSOB (non tutti), per pubblicizzare idee e agevolare la raccolta fondi peril crowdfunding trasformarle qualcosa di migliorativo per tutti. Ogni progetto ha una durata temporale definita dal business plan del creatore, nel quale si prefigge di raggiungere un determinata raccolta economica (Goal) espresso in dollari. Alla fine del periodo temporale se il goal è stato raggiunto, i soldi raccolti sono versati da sito di Crowdfunding al creatore del progetto, che li userà per attuare quanto promesso. In caso contrario, i soldi tornano nelle tasche dei sostenitori (Backers) del progetto. 

Per gli italiani è d’obbligo ricordare che è opportuno investire in CF “EU friendly” che non riservano “sorprese” doganaliil crowdfunding italiano (IVA + spese) in caso di spedizione dei beni, oggetto del progetto. Noi investiamo in soli progetti italiani anche perché il più grande appeal dell’investimento CF, attenzione attenzione, è nella detrazione fiscale che la legge di stabilità 2016 ha attestato nella misura del 30%, davvero impressionante,  non esiste nulla di simile nel panorama nazionale!

TIPI DI CROWDFUNDING, PREGI E DIFETTI 

Per ulteriore ed opportuna chiarezza, è opportuno che si evidenzino i diversi modelli di crowfounding, in un mercato così fervente e variegato. Bene, essi si distinguono in base al genere di ricompensa che il donatore/investitore ricerca, col proprio versamento! Esse possono consistere in premi, soddisfazioni emotive da solidarietà, prodotti finiti o benefici riconducibili al senso d’appartenenza/status. Personalmente, conosciamo e riconosciamo almeno quattro categorie o modelli, escludendo le varianti “inclassificabili”.

DONAZIONE (Donation)

Il “donatore” è spinto sostanzialmente da un movente caritatevole, filantropico e il donocollaborativo, egli non ottiene nessuna ricompensa o vantaggio dal sostegno alla causa, se non quello meramente e lodevolmente solidale. Le iniziative proposte interessano ovviamente organizzazioni no-profit (O.N.P.) a scopo sociale ed associazioni, che si rivolgono alla “folla” affinché questa contribuisca ad una causa etica o sociale. 

RICOMPENSA (Reward)

Formula utilizzata per remunerare i “Sostenitori” con l’oggetto della Start up! Essi, a fronte del sostegno economico, riceveranno ricompense simboliche, anche inferiore alla donazione stessa, graduato in relazione all’importo donato o a cosa si vuol realizzare, concordato preventivamente nel contratto col promotore. L’evoluzione del Crowdfunding deve ringraziare questo modello, utilizzato da Kickstarter, per difondersi al mondo intero. 

PRESTITO (Lending) 

Il CF è qui un modello attraverso il quale si realizza il prestito tra privati, senza il ricorso ad intermediariprestitoQuesto modello ha dato vita a due sotto-modelli: il peer 2 peer (p2p) e il peer 2 business (p2b). Il primo consiste nella fornitura di servizi finanziari a privati, basato su creazioni di comunità nelle quali si interagisce direttamente grazie alla piattaforma. Nel p2b i riceventi sono persone giuridiche, società di capitali o di persone, che si rivolgono ai risparmiatori presenti sulle piattaforme per collezionare capitale di debito a tassi agevolati rispetto ai canali tradizionali di credito. 

INVESTIMENTO (Equity)

E’ il modello maggiormente strutturato, perché non si parla più semplici sostenitori che liberamente scelgono di finanziare, ma si assiste alla trasformazione dei privati in veri e propri investitori in start-up e pmi innovative. Oltre a fruire della nota detraibilità fiscale, si salda un patto di distribuzione degli utili con gli sturtupper. L’Italia è stata tra i primi ad introdurre questo modello ed a regolamentarlo. Senza dubbio, quest’ultimo modello di Business, concilia l’appeal fiscale a quello della costituzione di una possibile entrata residuale incrementale, per tutti! Oltre ai portali già segnalati, consigliamo: StarsupMuum LabAssiteca crowd.

falso

Una opportuna menzione va fatta per i pseudo-crowdfunding. Sono Aziende “travestite” da CF ma che vedono intrecciarsi Network Marketing e illusori schemi ponzi, veicolati dai sogni personali degli inconsapevoli sottoscrittori, raggirati con la speranze di donazioni di altri sottoscrittori, in totale contrapposizione delle regole di CF. Fate molta attenzione perché non hanno preso ne dal primo e ne dal secondo, leggete attentamente i contratti (dovessero avercelo), non facciamo nomi in questa sede, ma non fatevi raggirare! Fanno leva sulle vostre emozioni e vi inducono a trovare persone che sostengono apparentemente il CF, ma non ci rende conto che si alimenta solo schemi piramidali che tenderanno a crollare! Non è CF, questo!

Infine, speriamo di esservi stati utili e rimaniamo a disposizione per rispondere ai vostri commenti.

Work Hard … Tony Locorriere

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

IMMOBILI per tutte le tasche

articolo su immobili

 Immobili per tutti i tipi di investitori

Spero vivamente che tu abbia già letto il mio strumento al benessere personale e finanziario, Bestseller Amazon, da cui ho parzialmente tratto questo articolo: Risparmio accantono investo guadagno!

Nel capitolo sugli investimenti ho dichiarato che un’efficace ed efficiente diversificazione, deve prevedere una ponderata ramificazione in quelli che ritengo essere i cinque settori fondamentali: liquidità (infruttifera), azionario, obbligazionario,  immobiliare e commodities.

In un’opportuna pianificazione protettiva del patrimonio, oggi ci focalizzeremo verso l’integrazione di beni detti “rifugio” il cui RE indiscusso e ancora percepito tale dalla popolazione italica è appunto: il settore immobiliare!

La maggior parte di coloro che si imbattono in questo termine, pensano che necessitino notevoli quantità di denaro per farvi fronte, ma non è affatto così! Vi sono diversi sistemi per accedere a questo tipo di investimento, per ogni tipo di esigenza e di tasca. Di seguito vi illustrerò le peculiarità dei tre principali, che sono:

  • L’acquisto fisico di un immobile
  • L’acquisto di quote di Fondo Comune
  • L’acquisto di E.T.F.

L’acquisto fisico di un immobile

Innanzitutto, vi è una grande differenza tra comprare casa e casa-da-comprareinvestire in essa. Chi compra casa per viverci, si accolla una caterva di spese, tranne l’affitto sostituito dal mutuo! Chi investe in una casa, invece, deve affrontare comunque delle uscite per l’acquisto e la manutenzione straordinaria, ma  potrebbe crearsi una rendita grazie ad affittuari, risparmiando così anche sulle spese di manutenzione ordinaria.

La differenza preminente tra comprare e investire, è nella produzione di flusso di cassa: se la compri per te, è negativo, ma se compri e l’affitti, grazie a una buona pianificazione, potresti beneficiare di un flusso positivo, in attivo!

Vi è crisi, manca liquidità e le case non si vendono! Bene, allora compriamo, proprio in questo momento, perché la richiesta di immobili in affitto aumenta a dismisura. Se pensi poi che per incentivare l’acquisto di immobili da mettere a reddito, potresti fruire di una serie di agevolazioni fiscali, allora non dovresti pensarci ulteriormente!

Rammenta sempre che Il denaro è un nostro tramite, lavora alle nostre dipendenze, non viceversa! Ripeto in continuazione che questo è il momento migliore per indebitarsi, ma con debiti che io chiamo “remunerativi“, cioè che si contraggono per permetterci capacità d’investimento impensabili, che mi appresto a spiegarti, per farti sgranare gli occhi! Non ci credi? Vedremo!

Mi ritengo un tecnico e prima di parlartene, introduco due importanti acronimi, che vorrei tu imparassi a rispettare: il ROI e il ROE. Il Return On Investments (ROI) è tradotto come indice di Redditività del Capitale Investito o Ritorno sugli Investimenti, indica l’efficienza della gestione finanziaria, cioè quanto rende il capitale investito, in un periodo definito! Ovviamente, se molto alto, significa che stiamo guadagnando tanto, tramite le nostre scelte d’investimento.

Per gli investimenti immobiliari dobbiamo rifarci al Return on Common Equity (ROE) che è, invece, l’indice di Redditività del capitale proprio, definito da manuale come il rapporto tra il reddito netto conseguito nel corso dell’esercizio e il valore del capitale proprio impiegato in media nel corso dello stesso esercizio. Ehhhhh? Te lo traduco tramite un esempio pratico!

Orbene, hai ormai un patrimonio liquido di 200.000€ e decidi d’investire in un’occasione, un immobile da 100.000€, che ne vale il doppio, ok? Cosa fai? Pensaci un po’, senza continuare oltre! Tic tac tic tac….Hai un bella liquidità e puoi certamente utilizzare quella cifra senza risentirne, si va dal notaio per procedere con l’acquisto, giusto?

Sbagliatissimo!  Mai privarti della “gallina dalle uova d’oro”, quel capitale che ti potrebbe generare altre corpose rendite finanziarie? Dovrai accedere a piano d’ammortamento per acquisto immobiliare, nel quale non devo sborsare io quei soldi, ma la banca! Come? Mi servono 100.000€, ne richiedo 80.000€ alla banca e 20.000€ saranno miei (o 70-30, 60-40). Acquisto l’immobile, l’affitto e in due anni capitalizzo 20.000€ di profitti che nel frattempo avrò versato alla banca per il mutuo. Avrò investito soli 20.000€, sarò rientrato nei miei 20.000€, avrò ottenuto un ROE del 100%. Compresa la lezione? Compra per investire. Sviluppa su carta, sarà più semplice comprendere. Segui il mio consiglio e avrai un’ulteriore possibilità di guadagno!

Camere elements bariA tal proposito, siccome non è mia abitudine trattare di cose che non ho affrontato in prima persona, ecco qui una dimostrazione di un mio acquisto immobiliare recente che ho “messo a reddito” in maniera del tutto innovativa per una cittadina come la mia. Approfondiremo l’argomento ma per il momento verifica ciò che ho creato, cliccando qui!

Quote di Fondi Immobiliari, convengono?

Per investire in immobili, non necessariamente bisognaFONDI IMMOBILIARI acquistarli fisicamente. Potremmo utilizzare prodotti e servizi avanzati in grado di soddisfare la domanda crescente di nuovi prodotti finanziari.

Per tale motivo, già dal 2000, esistono fondi comuni di investimento che consentono di trasformare investimenti immobiliari in quote di attività finanziarie, senza che l’investitore debba cercare, selezionare, acquistare direttamente un immobile.

Generalmente parliamo di “fondi chiusi”, costituiti cioè da un numero predefinito di quote che non consentono ulteriori richieste di sottoscrizione, successivamente alla chiusura del periodo di collocamento, né richieste di rimborso delle quote da parte dei partecipanti. Sono gestiti da Società di gestione del risparmio (Sgr) e ciascun partecipante è di fatto comproprietario. I sottoscrittori, delegano la Societ’ a attività quali: Acquisto, Gestione, Locazione e Vendita d’immobili Ubicati anche in più paesi e di diversa destinazione (residenziale, commerciale, terziaria).

Il fondo immobiliare ha un patrimonio prestabilito che non può essere incrementato e raccoglie i capitali fino al raggiungimento del tetto prefissato. Sono strumenti di investimento di lungo periodo: hanno una durata prefissata di circa 15-20 anni e non è possibile disinvestire, se non tramite la cessione della quota in Borsa, ma di solito non ti conviene.

Hanno un rischio intrinseco, come tutti gli altri strumenti finanziari. Spesso sono scelti con superficialità pensando siano meno rischiosi ma in realtà non è così! Infatti, in Italia questo tipo di investimento è in forte calo, proprio per una mancanza di fiducia verso il settore.

Dovessi consigliarti in prima persona, ti direi di lasciar stare i fondi e continuare la lettura degli ETF. 

E.T.F.

Per sapere cosa sono più approfonditamente, visita la nostra pagina “Investo” e visiona lo splendido video che ho realizzato a riguardo.

etf immobiliariQuesti strumenti evoluti offrono un accesso diretto all’investimento nel comparto immobiliare, con un’elevata diversificazione per numero d’immobili, aree geografiche, settori e tipologie di costruzioni. Li preferisco perche sono flessibili, sono gestiti con commissioni totali annue bassissime comprese tra lo 0,40% e lo 0,65%, distribuiscono un dividendo annuo, hanno rendimenti impressionanti (se scelti con cura) tra il 10 e 20% se iShares o Lyxor negli ultimi 3 anni, e cosa vuoi di più?

Ho notato, in anni di osservazioni, che il grafico del settore immobiliare è molto simile a quello del P.I.L. nazionale a cui ritengo sia fortemente correlato.

Le Società che possiedono e gestiscono immobili che producono redditi, e che distribuiscono annualmente agli azionisti almeno il 90% del loro utile di cui almeno il 75% deve provenire da locazioni, mutui e vendite d’immobili. Le cosiddette “Reit“, per tale motivo, sono generalmente capaci di produrre dividendi sensibilmente superiori a quelli dei corrispettivi indici azionari tradizionali.

L’indice Msci Usa Real Estate, per esempio, composto al 100% da Reits, ha un Dividendo medio calcolato a 10 anni, del 5,53% annuo, oltre al rendimento. Ottimo direi. Ve ne ho segnato i migliori ma fate sempre riferimento al Vostro promotore finanziario per un oculata scelta. Lasciate perdere la zona Britannica che a causa della Brexit non ha appeal, ma prediligete l’area americana, europea e asiatica!

Infine, ho sfatato che l’investimento immobiliare sia per pochi eletti. Ognuno può, e a mio avviso, deve diversificare la propria “asset allocation” in questo settore, nel modo che ritiene più opportuno.
Dovessi aver bisogno di una mia consulenza privata, non esitare e non tardare a contattarmi tramite il form in questo sito e non mancherò di ricontattarti quanto prima!
 
Work Hard….Tony Locorriere
RIPRODUZIONE RISERVATA DA DIRITTI DI COPYRIGHT

RISPARMIO CON IL CASHBACK

CASHBACK, COS’E’ E COME FARLO AL MEGLIO!

Il Cashback (CB), etimologicamente “Denaro contante indietro”, è un ottimo metodo per Risparmiare notevolmente per chi fa acquisti Online. Se il risparmio è la prima forma di guadagno, allora siamo proprio sulla strada giusta! Sei uno degli oltre 15 Mln di italiani (dato in crescita del 15% all’anno), che si diletta con il social shopping? Ti piacerebbe iniziare a risparmiare in maniera considerevole, continuando a servirti dei tuoi soliti siti? E se ti dicessi che l’iscrizione è gratuita? Conosco già la risposta, è SI! Vediamo allora come guadagnare online, risparmiando, senza cambiare sostanzialmente le nostre abitudini quotidiane di spesa. 

Il cashback,  consiste in un rimborso parziale della spesa sostenuta dagli utenti quando acquistano online attraverso l’intermediazione di siti di cashback. Questi siti, stringono migliaia d’accordi commerciali in convenzione con i più grossi e diffusi eCommerce. Essi convogliano traffico online e acquisti per ogni tipo di bene e servizio. Ne ottengono commissioni per ogni  acquisto effettuato dal cliente finale e la somma viene divisa con l’utente che ha sostenuto la spesa. Quest’ultimo ne trae la concordata percentuale maggiore, perchè è colui che ha pagato.

Perchè questa formula è detta “win-win-win“?

Perchè vincono praticamente tutti e con notevole piena soddisfazione. Il sito e-commerce vende maggiormente i propri prodotti, l’utente finale è gratificato dalla restituzione di una parte dei soldi (risparmio) e il sito di cashback, aumenta notevolmente il numero di utenti registrati e, di conseguenza, la quantità delle transazioni. Le carte di credito insegnano che è meglio guadagnare piccole somme per migliaia di persone, che non viceversa!
Una vera e propria rivoluzione! Ma attenzione, il servizio di CB, non concede punti virtuali, bensì restituisce denaro reale, accumulato e versato direttamente sul proprio cc bancario, paypal o carta ricaricabile societaria!

Come sono strutturati tali siti e come sfruttarli?

Abbiamo appreso cosa è il CB e come funziona, ma è ora importante capire quali siti tra un migliaio, siano realmente affidabili, cosa offrono e su quali conviene registrarsi prioritariamente. Di solito, la registrazione sulla maggior parte dei siti di cashback è semplice e gratuita, ma i migliori addirittura concedono bonus d’iscrizione per infondere fiducia nell’acquirente. I criteri per scegliere un sito di cashback sono molteplici:
  • Tipologie di eCommerce convenzionati che siano più vicini a quelli che già si frequentano abitualmente
  • Capacità di Risparmio
  • Bonus di benvenuto elevati
  • Modalità di pagamento e prelievo
  • Affidabilità data da riconoscimenti nazionali ed internazionali ecc. 
I dati sotto riportati sono in continuo aggiornamento, quindi vi consiglio di visitare comunque i siti indicati! I  siti nazionali di CB che sono un gradino al di sopra delle decine che nascono mensilmente, sono essenzialmente due: 
  1. Queexo, tutto italiano, con oltre 150 negozi convenzionati che riescono a soddisfare esigenze diverse in settori come abbigliamento, libri, elettronica, viaggi, idee regalo, ecc. nel quale è possibile creare un proprio network di amicizie, per guadagnare anche una minima percentuale sui loro acquisti.
  2. Bestshopping sul quale è possibile trovare portali e-commerce convenzionati specie in elettronica, videogames o ai dvd. La modalità di pagamento prevista è il bonifico bancario, non sempre gratis, e la soglia minima da raggiungere per richiedere il rimborso è 40€, prevede un bonus di 10€ quando l’utente si registra per la prima volta sul sito.

I siti internazionali di CB sono tantissimi, ma certamente degne di nota al risparmio sono:

  1. Lyoness, presente in molteplici nazioni europee, USA, Africa, Emirati Arabi, ecc. I registrati possono scegliere tra un numero vastissimo di categorie e, a seconda del settore merceologico, ottengono una percentuale fino ad un massimo del 2% di rimborso. La soglia minima fissata per la corresponsione del cashback è di €10 per cui, raggiunta tale somma, è possibile richiedere l’accredito dei soldi spettanti sul proprio conto corrente.
  2. Beruby , spagnola, apprezzata nell’America Latina, ha un portale che consente di guadagnare centesimi anche effettuando ricerche con motori di ricerca selezionati o navigando in rete e visitando alcuni siti sponsorizzati. 
  3. Ebates, un vero colosso statunitense, forse il più grande, ma in Europa è scarsissimo sia per distribuzione che per policy!

Ma un vero e proprio discorso a parte consentiteci di farlo con il vero titano del Cashback mondiale, un sito a cui è francamente IMPOSSIBILE non esservi iscritti: DUBLI!

Risparmio con cashback
Parliamo di un gigante tra i nani, imparagonabile a tutti gli altri, azienda nata nel lontano 2003, fattura oltre Miliardi di $ l’anno, quotata a New York (Ominto Inc.), management di prima grandezza, e francamente, con capacità di crescita annuale a due cifre e momentum pazzesco! I suoi enormi fatturati gli permettono di investire gran mole di denaro in ricerca ed infatti, con Dubli siamo già nel futuro!

Ma ora vorrei che visionassi il sito direttamente coi tuoi occhi, senza perder tempo ad iscriverti totalmente GRATIS (cliccando qui). Se non lo avrai fatto ancora, sarò ulteriormente incisivo, grazie a questo mio video!

Risparmio con cashback

Bene, dalle chiacchiere, passiamo ai fatti. Puoi ora esplorare l’area shopping per considerare qualche acquisto a sconto, per provare il servizio, tra più di 12.000 siti già presenti e che magari già frequenti per gli acquisti! 

Infine, oltre ad essere dei “Clienti dediti al Risparmio“, potrai addirittura aprire un negozio online a bassissimo costo dove potrai insegnare a Risparmiare anche ai tuoi amici, dai quali Guadagnerai piccole percentuali dei suoi risparmi. Pensa ora che potrebbero anche diventare migliaia, e capirai che il Business è di  quelli davvero esplosivi! Ma attenzione, ho ricapitolato tutto, personalmente in un altro mio video che espone i 3 diversi Business di Dubli, Buona visione!

Il nostro ruolo è essenzialmente “informativo“, e per tale motivo vorrei renderti edotto su cosa sta succedendo attorno a questa  azienda anche dal punto di vista finanziario, con un altro breve video!

Infine, insegno il risparmio, l’accantonamento, le capacità d’investimento e cose fare dei guadagni derivati. Dovessi aver bisogno di una mia consulenza privata, non esitare e non tardare a contattarmi tramite il form in questo sito e non mancherò di ricontattarti!
Work Hard….Tony Locorriere
RIPRODUZIONE RISERVATA DA DIRITTI DI COPYRIGHT

BITCOIN: Opportunità o Truffa?

Il Bitcoin cos’e’?

E’ una criptovaluta (o criptomoneta) cioè una valuta non fisica ma digitale la cui implementazione si basa sui principi della crittografia. Consente di effettuare pagamenti online in maniera sicura, utilizzando tecnologie di condivisione tipo peer-to-peer (p2p). 

Le caratteristiche delle Criptovalute

  • Non sono regolamentate da una qualsiasi banca centrale o autorità, sono create in accordo con alcuni algoritmi informatici e sono emesse e trasferite attraverso una rete di elaborazione;  
  • L’identità delle parti che effettuano le transazioni è nascosta dietro un codice “crittografato“, al momento impenetrabile;  
  • Le operazioni di interscambio si svolgono grazie alla cosiddetta “Blockchain“, una sorta di eWallet, un portafogli elettronico, che registra le transazioni effettuate. Solo le controparti hanno le chiavi necessarie per decodificare le informazioni della transazione nel portafogli;
  • Sono progettate ponendo un tetto massimo alla quantità di moneta in circolazione, per imitare l’effetto scarsità dei metalli preziosi per elevarne il valore, a favore dei primi che ne detengono in maggiore quantità.
  • La durabilità, cioè molte criptovalute minori non sono ancora sopravvissute ad un ciclo economico completo, 
  • Sono valute digitali e per tale natura, temono la mancanza di corrente (sottile ironia), e il mancato accesso al proprio eWallet. 
  • Il sistema funziona discretamente ed è in rapida crescita sia per quanto riguarda le operazioni legittime che quelle illegittime di riciclaggio, difficili da intercettare e bloccare. Infatti, sono attualmente meno suscettibili a confische da parte delle forze dell’ordine “grazie” all’anonimato, fomentando così anche centinaia di Business e Network esentasse.
  • Sono ovviamente osteggiate dai Governi di tutto il mondo perché mettono in crisi il sistema del debito convenzionale e le valute nazionali aventi “corso legale”! 

Tipologie

 Sono state definite oltre 30 diverse specifiche e protocolli di criptovalute per lo più simili o derivate dalla prima criptovaluta mai implementata, il Bitcoin. Si Bitcoinannoverano diverse centinaia di diverse criptovalute. Il Wall Street Journal ha recensito le più importanti, accenniamo le più diffuse!

Il Bitcoin (BTC), il re è lui, nato nel Gennaio 2009, basato sul protocollo proof-of-work, è la prima criptovaluta per valore, la prima ad essere conosciuta in massa, e ad essere riconosciutaBitcoin come forma di pagamento da diversi siti Internet. Il suo valore è stato molto volatile e fluttuante in passato, tra 100 e 1,100$ attualmente vale circa 1200$, come da grafico tratto dal mio Blockchain che esplicita una capitalizzazione vicina ai 15 Miliardi di $, niente male davvero.

Il Bitcoin resta sempre la criptovaluta di riferimento da parte degli sviluppatori, ma anche per i cosiddetti “angel investors”, cioè coloro che riversano nel sistema, un grande volume di capitale. Dobbiamo attenderci che questa sarà ancora la valuta virtuale di riferimento negli anni a venire, con conseguente incremento del prezzo futuro.

Poi abbiamo una caterva di altre criptovalute come il Litecoin (Ł), Peercoin (PPC), Quark (QRK), Namecoin (NMC), Feathercoin (FTC), Primecoin (PPC), Dogecoin, ecc. ecc.

Come funziona una transazione?

Facciamo subito un esempio per meglio far comprendere il procedimento. Vado su Blockchain e acquisto Bitcoin o altra valuta disponibile per un controvalore di 200$. Attendo qualche mese per poi venderlo a 1.000$, ottenendone un guadagno netto di 800$ tra l’acquisto e la vendita. Niente di diverso dall’acquisto di altri strumenti finanziari! Il problema è nella plusvalenza, ben 800$. Secondo te quanti utenti Blockchain per Bitcoinsegnaleranno tale plusvalenza ai propri commercialisti? 1/10?

L’IRS (Internal Revenue Service) è l’organismo che negli USA vigila su questo fenomeno e che ha ampi poteri per indagare sull’evasione, potendo richiedere alle controparti di rivelare informazioni personali, comprese le password, per scopi investigativi. Fate attenzione, potrebbe arrivare anche in Europa.

Considerazioni personali

La domanda principale da farsi, è: ma le cripto, possono essere definite, denaro? Molti pensano che non abbiano controvalore, perché, come l’Euro e le altre valute fisiche, non sono coperte da nulla. L’oro, di contro, ha un valore intrinseco.

Le cripto sono coperte dalla fiducia! Se il sistema ha fiducia in un qualcosa che possa essere denaro e sono tutti d’accordo che si tratti di ciò, allora è denaro a tutti gli effetti. Secondo me, la fiducia è un qualcosa di molto effimero e viene facilmente tradita dinanzi alle regole del profitto personale. Alzi la mano chi non mi da ragione! Per tale motivo non sono nuove le notizie d’arresto di gestori di monete virtuali, non convenzionali, Business e Network improbabili con essenza di schemi Ponzi.

Si pensi che gli Stati minacciano le persone se non pagano le tasse nella valuta avente”corso legale”, come il dollaro negli USA e l’Euro in Europa. Infatti, sono gli Stati a conferire un valore intrinseco alla propria valuta. Ma le politiche economiche fallimentari che permettono l’uso di valute senza controvalore è divenuto ormai, abuso!

La voragine debitoria si allarga a dismisura sempre più. Se una Banca Centrale dovesse malcapitatamente fallire, potrebbe causare il cosiddetto “effetto domino” e dare un motivo in più alla diffusione delle valute digitali. I mercati sono “drogati“, resi dipendenti da iniezioni di montagne di denaro senza valore, come i  tanto usati QE, anche da Mr. Draghi.

Le mie conclusioni

Attualmente le criptovalute sono monete ad alto rischio. il mio nuovo libroAndrebbero assimilate ad un investimento speculativo, alla pari di qualsiasi altro come il forex, le opzioni binarie, ecc. . Se vuoi investire in questi mercati, ti consiglio un’esposizione massima del 1-2% del capitale, come ampiamente trattato nel mio ultimo libro alla trattazione delle “6 leggi della Finanza”.

Ormai anche le transazioni svolte attraverso le banche online sono tutte digitali, quindi, qualora le cripto vengano efficacemente regolamentate, potranno divenire un bene pubblico. La vedo dura perché regolamentare significa portare alla luce del sole e l’anonimato cesserebbe l’appeal su tale valute, per problemi di identificazione in termini fiscali.

Dovessi lasciarvi con delle previsioni, mi sbilancerei dichiarando che: 

  • il Bitcoin e poche altre valute digitali, potrebbero essere l’unica valuta capace di limitare l’egemonia del Dollaro a livello globale, perché già dirottate ad hoc da Russia e Cina! 
  • I Governi sono già entrati in Bitcoin per lucrarci tramite la speculazione e lo si vede dal grafico reso disarmonico nello sviluppo!
  • Stanno nascendo  sempre più Aziende concorrenti di PayPal e processori vari, che regoleranno gli scambi solo in criptovalute, per decretarne la diffusione totale!

Aprire un portafogli in Blockchain è certamente una buona idea e nel prossimo video vi spiegherò sinteticamente come fare! 

Spero di esservi stato utile anche oggi, un sincero saluto e attendo un tuo commento o una tua domanda….Wok Hard, lavora duro perché chi non lo fa, non raggiungerà mai una mazza!

Tony Locorriere
Riproduzione Riservata

AFFILIARSI CON AMAZON

articolo WP

Cos’è il Programma Affiliazione di Amazon?

E’ un’iniziativa di “Affiliate marketing” che permette, a chi possiede un sito Web o un Blog, di guadagnare dei soldi ogni volta che i clienti comprano su Amazon.it passando attraverso un link pubblicitario presente sul proprio sito. Questo servizio è completamente gratuito e molto facile da utilizzare.

Dirigi i consumatori verso un sito che già conoscono, possibilmente con molto traffico, dove possono acquistare immediatamente i prodotti che tu stai pubblicizzando.

Trai vantaggio dalle promozioni Amazon e usi a tuo vantaggio le nuove funzioni pubblicitarie, per aiutare il cliente finale a cercare ciò che cerca e tu guadagnerai, grazie ai link pubblicitari. Questo servizio è molto più remunerativo di Google AdSense perchè Amazon è il sito nr.1 d’acquisti in Europa!

Come funziona?

Puoi scegliere diversi modi per collegare il tuo sito ad Amazon, grazie a semplici strumenti.

Puoi personalizzare tutto e aggiungere contenuti interessanti, e migliorare il tuo sito. Potrai scegliere tra link e banner di tante dimensioni possibili e già preimpostate. Attenzione, potrai reclamizzare anche i tuoi stessi prodotti, così da guadagnarci due volte (geniale, eh!). Basta navigare e selezionare il tipo di prodotto che vorresti aggiungere. Poi segui le istruzioni per capire dove andare a posizionarli.

Come si guadagna?

affiliarsi a amazon

È facile! Quando aggiungi questi link (collegamenti) e banner (poster) al tuo sito Web, le persone che lo visitano cliccano su di essi e tu guadagni fino al 10% sugli acquisti fatti su Amazon. Potrai scegliere di avere dei Buoni spendibili su Amazon stessa, oppure potrai optare per il bonifico bancario o l’assegno spedito a casa tua!

Come si creano i link?

Il Programma ti aiuta a creare dei collegamenti ad Amazon, grazie ad un’ampia scelta di strumenti preimpostati. Dovrai colo copiare il codice HTML ed inserirlo in una casella “Testo” nel tuo sito! E’ più difficile da spiegare che da fare, credimi!

Se vuoi degli esempi, ti basterà guardare sul lato destro di questa pagina e probabilmente già avrai scorto le pubblicità ad Amazon e il mio libro! Visto che belli? 

Ti consiglio di conoscere meglio i tuoi utenti e identifica le loro preferenze. Crea una pagina Facebook dove pubblicizzare solo le offerte Amazon e guadagnerai sicuro quando avrai una bella odience. Devi comprendere quali sono i link che spingono di più i tuoi clienti a comprare. Quali sono i prodotti (come libri, elettronica, musica,dvd, ecc.) che vanno di più, e puntare maggiormente su di essi.

Per agevolarti ulteriormente, nel portale d’affiliazione, Amazon fornisce report dettagliati e facili da consultare, sui risultati dei tuoi link, in modo da permetterti di ottimizzare le tue performance nell’ambito del programma. Queste informazione includono i dettagli sul tuo traffico, le entrate, i guadagni, i tassi di conversione e i tipi di link. I report così aggiornati ti danno la certezza di avere le informazioni necessarie a massimizzare il potenziale di guadagno del tuo sito. Ma che vuoi di più!

Quanto costa avere tutto questo?

affiliarsi a amazonE’ tutto GRATIS! Basteranno pochi secondi per avere accesso a tutti gli strumenti necessari per cominciare a guadagnare dal tuo sito web. Come? Cliccando sull’icona qui di fianco. Io non ci guadagno nulla, non è un Network, ma spero che una volta che avrai iniziato a guadagnare, almeno mi ringrazierai, vero?

Quanto si può guadagnare?

E’ presente del “tetto massimo” di 10 euro che viene imposto solo su alcune categorie, fra cui ovviamente l’elettronica. Per tale massimale, c’è chi pensa che si possa guadagnare davvero poco. Se ti dico che conosco persone che mensilmente riescono a tirare fuori uno stipendio anche oltre i 1.000€, ci credi? Se non inizi, non lo saprai mai!

Tutto dipenderà dalla tua strategia, dalla tua voglia e dal settore in cui si opera. Se hai un sito tematico molto trafficato, farai recensioni di libri o prodotti a tema. Guadagnerai certamente di più rispetto a chi ha un sito non tematico. Costruisci quella che io chiamo “rete mediatica”, formata da siti/Blog con argomenti specifici, che dialogano sui tutti i social con una fitta rete di collegamenti tra essi.

Sii professionale e i risultati arriveranno presto!

Work Hard…lavora duro, perchè senza il lavoro duro non arriverai mai ad una mazza! Se dovessi aver bisogno di porre delle domande, commenta pure e ti verrà risposto quanto prima.

Tony Locorriere

Riproduzione Riservata.

CRONISTORIA DI UN SUCCESSO ANNUNCIATO!

cronistoria di un successo annunciato!

Come diventare Bestseller di successo su Amazon!

Ebbene si, il successo era preannunciato! Sai quelle sensazioni che senti a pelle e che non riesci a spiegare? Sai di quel sesto senso che ti porta in una direzione senza neanche sapere il perchè? Sentivo che dovevo scegliere il Ven. 03 Marzo per lanciare il nostro nuovo libro. Una data che mi ispirava fiducia, il 3 è il mio numero fortunato, è il numero perfetto!

Programmato il lancio da un mese prima, pianificato per filo e per segno tutto ciò che avremmo dovuto produrre per garantirci l’effetto voluto. Un nuovo sito (questo), le locandine, le inserzioni, l’indotto e ovviamente terminare il libro, revisionarlo, pubblicarlo e pubblicizzarlo! Semplice? Nient’affatto! Tutto frutto di attenta pianificazione come specifico appunto nel libro: senza programmare, è come partire per un viaggio senza rotta!

Finalmente arrivato il giorno previsto, con cura abbiamo preparato l’accensione dello Shuttle. Avvisati strategicamente gli amici, atteso l’arrivo delle 20.00, dopo esser stato personalmente dal dentista, dopo aver fatto un paio d’appuntamenti, e aver fatto un sopralluogo al mio nuovo appartamento in ristrutturazione!


accensione dei motori...Ore 20, accensione…!

Partono i Fb Ads, le condivisioni in tutti i miei gruppi e le pagine Business, partono i post in tutti i social network nei quali ho costruito una fitta rete di contatti e dopo circa 20 minuti appena, il grande Giacomo Bruno Editore, proprio nel suo gruppo dedicato ai “Numero 1“, postava che era già fatta! Il nostro Bestsellernuovo libro era già Bestseller di categoria in Amazon. Che emozione! Era uno degli obiettivi di quest’anno e l’avevo centrato in poco più di soli due mesi grazie ad un fantastico corso tenuto dallo stesso editore in Roma. L’ennesima dimostrazione che se desideri un qualcosa e non ti formi adeguatamente per ottenerla, essa rimarrà un utopia!

Ma non potevo fermarmi, ero solo 97° nella classifica globale dei libri digitali e dovevo ancora sforzarmi e dare il massimo per arrivare al TOP, al primo posto! Meno male che la nostra vena creativa è inesauribile. Produciamo altre locandine, postiamo, condividiamo nuovamente, messaggio agli amici ed esausti, stacchiamo e andiamo a nanna!

settimo posto generaleSvegliatoci prestissimo, il primo pensiero corre alla classifica, mi collego con lo smartphone e mi ritrovo balzato al 7° posto generale! Dinanzi al nostro strumento per il benessere globale, solo romanzi e narrativa che non capisco in quale modo possano aiutare la gente! E’ già una grande vittoria! nella Top ten dei libri digitali più venduti e scaricati nella più grande biblioteca mediatica al mondo: Amazon!

Se consideriamo il gran numero di libri che sono pubblicati giornalmente e che in futuro diluiranno ancor di più la qualità del prodotto, il nostro è certamente un ottimo risultato.

Bestseller amazonAttendiamo le recensioni dalle centinaia di persone che hanno il libro nei loro device, ipad, reader, smartphone che siano, per balzare ulteriormente in classifica e aiutare altra gente nello scoprire il nostro percorso a cinque stelle. Vi ringraziamo tutti di cuore per aver letto questo nostro articolo e aver condiviso con noi le emozioni di questi momenti che hanno testimoniato dedizione, passione, motivazione, perseveranza e forza nel voler raggiungere gli obiettivi.

Obiettivo centrato, avanti col prossimo!

Per i dettagli sul libro, visita la pagina Home!

Tony Locorriere org

RIPRODUZIONE RISERVATA