AZIONARI O OBBLIGAZIONARI?

Che grande dilemma vero? Azionari o obbligazionari (Bond)?

Basta fare una semplice ricerca storica e ci accorgeremo subito che:

Gli strumenti AZIONARI sono MEGLIO DEI BOND.. NEL LUNGO TERMINE!

Tutto è riferito all’arco temporale ed esso deve essere almeno più lungo di un cosiddetto “ciclo borsistico” che in media dura circa 7 anni e nei quali l’indice troverà un minimo ed un massimo.

Come spesso ribadito nel nostro libro sul risparmio, l’investimento in strumenti azionari (fondi comuni, Etf, ecc.) è sempre premiante nei confronti degli obbligazionari! Nell’esempio in foto (tratta da Il Sole 24 Ore che ringraziamo, come sempre) gli azionari capitalizzano un +91% in dieci anni, gli obbligazionari.. Lasciamo stare!

Altri consigli utili ad implementare le tue capacità di investitore edotto e capace, li trovi nel libro, ovviamente! Piccolo investimento per grandi capacità!

azionari o obbligazionari

Ti rammento che l miglior investimento in assoluto è quello in conoscenza. Un buon inizio potrebbe essere quello di seguirmi sul mio profilo autore su Amazon, cliccando qui! per scaricare GRATIS i primi capitoli di qualsiasi libro tu scelga.

Aiuta anche i tuoi amici a svegliarsi dal torpore, il migliore gesto che puoi compiere è quello di CONDIVIDERE, con i tasti in basso!

Ricevi gratuitamente i prossimi articoli, registrandoti sul form apposito! Sentiti libero, infine, di lasciare un commento, qualora necessiti di un chiarimento, un consiglio o anche un semplice ed apprezzato saluto!

Grazie per l’attenzione! By Tony Locorriere

Diritti riservati – 2020


👋

FACCIAMO UN SEMPLICE TEST?

METTITI ALLA PROVA! Come sei messo in finanza? E in matematica?

Allora, acquisti 1.000 Azioni “xx” ad 1€ ognuna! Dopo un anno perdi il 50% dell’investito! Il secondo anno realizzi il 50% rispetto al precedente!

Nei commenti, dimmi qual è il tuo capitale corrente e, secondo te, perchè ti ho fatto questo esempio?

Facciamo un semplice test!

Il migliore gesto che puoi compiere è quello di CONDIVIDERE questo post nei tuoi spazi social, con i tasti in basso, per poter aiutare anche i tuoi amici a svegliarsi dal torpore della negatività!

Cerchi altri consigli sull’argomento? Investi qualche euro in uno dei miei Amazon Bestseller!

Per ricordarti che il miglior investimento in assoluto è quello in conoscenza ed un buon inizio potrebbe essere quello di seguirmi sul mio profilo autore su Amazon, cliccando qui! per scaricare GRATIS i primi capitoli di qualsiasi libro tu scelga.

Potrai seguici GRATUITAMENTE sui maggiori tre SOCIAL NETWORK:

FACEBOOK   INSTAGRAM TELEGRAM (cliccaci su per iscriverti)

Sentiti libero di lasciare un commento, grazie per l’attenzione! 

Tony Locorriere

Diritti riservati – 2020


👋

COME INVESTIRE NEL 2019?

DISCLAIMER

NON sono un promotore finanziario e non posso, per legge, consigliarvi degli assets dove investire. Sono, come te, un fruitore di servizi, sono dalla tua stessa parte e posso però parlare di ciò che farò io, posso chiederti di prendere appunti e poi di rivolgerti al tuo intermediario il quale è pagato per fare questo determinato genere di attività!

Investire nel 2019

Come insegno nei miei libri, per aver la percezione di quanto hai guadagnato in un anno, gli ultimi giorni di Dicembre (meglio se dopo Natale) devi procedere a monetizzare i gain ottenuti in tutti gli assets che compongono il tuo portafogli globale.

Una volta azzerati i guadagni cioè dopo aver venduto le quote in gain in tutti gli strumenti che ho insegnato ad utilizzare, come FCI (Fondi Comuni di Investimento), ETF, Obbligazioni, Azioni, quote speculative (Forex, Cryptovalute, ecc.), avrai a disposizione nuova liquidità e finalmente ti potrai porre la fatidica domanda: dove investirò nel 2019?

Se, come me, segui i mercati, sai che la congiuntura è molto particolare! Ad esempio, gli azionari dopo esser saliti per dieci anni, iniziano a tentennare (vedasi il Nasdaq). Anche le obbligazioni come i sicuri BTP e High Yield, stanno tingendosi di color rosso. Senza parlare delle cryptovalute che hanno assistito ad un vero è proprio bagno di sangue nel 2018. Tutte questa incertezza nei mercati globali provoca forti dubbi anche negli investimenti portando chiunque ad un vero e proprio immobilismo della liquidità. Questa non è una soluzione, è paura dei mercati! Non dimenticare mai:


“Ti vuoi arricchire? Investi quando gli altri hanno le mani nei capelli!”.

Comincia a sondare con il tuo promotore finanziario, quali sono i mercati più depressi da anni, con fondamentali buoni! Cerca soluzioni, non immobilizzare il parimonio perchè così i tuoi soldi non creeranno altri “chicchi di grano” da piantare successivamente.

Quali soluzioni nell’incertezza?

Oltre le sei leggi della finanza declamate in “Risparmio Accantono Investo Guadagno”, ci sono delle norme non scritte che nel tempo, la statistica ha avvalorato:

  • nel lungo periodo, i mercati azionari, altalenando negli anni, offrono rendimenti superiori agli obbligazionari e alla liquidità. Se acquisterai azioni o panieri di azioni quando il loro prezzo è depresso, allora le capacità di guadagno saranno enormi nel tempo! Anche acquistando azioni “pure” come Amazon, Apple, Google sui forti ribassi potrai cavalcare le risalite con buone soddisfazioni.
  • Il rischio è inversamente proporzionale alla capacità di investimento dell’asset: strumenti più rischiosi pretendono meno capitale e viceversa.Mi spiego meglio. A fronte di un alto investimento, dovremo prediligere strumenti a basso rischio e viceversa. Se l’investimento dovesse essere speculativo, cioè molto rischioso, dovrai devolvere a quel assets una minima percentuale del tuo patrimonio!
  • Adattare il portafogli alle proprie propensioni al rischio, diversificando opportunamente tra Liquidità (L), Obbligazioni (O), Azioni (A), Immobiliare (I), Commodities (C) e Speculazione (S)! Se sei un tipo prudente, componi il tuo portafogli (asset allocation) con 20% L, 50% O, 20% A, 10% I. Se sei un tipo bilanciato, opta per 20% L, 40% O, 20% A, 10% I e 10% C. Infine, se sei un tipo dinamico, opta per 20% L, 30% O, 25% A, 10% I e 10% C e 5% S. Fai la tua scelta!

A questo punto ti vorrei dare dei suggerimenti distinti per mercati, secondo i miei predetti famosi pilastri, per permetterti di avere più chiara la situazione! Non dimenticare però che sono solo consigli di cui dovrai parlare con il tuo personal banker, ok? Bene, partiamo con consapevolezza, vediamo come hanno chiuso i mercati nel 2018:

Si ringrazia “LeFonti”

Obbligazioni

Come già detto, i BTP e HY sono in sofferenza e quindi evidenziamo che le obbligazioni societarie potrebbero concedere maggiori gain rispetto ai bond governativi (soggetti anche a rischio default). Attenzione al rialzo dei tassi USA perchè potrebbe richiamare grossi capitali e rendere così i bond governativi più interessanti in una nazione con alcun problema di insolvenza. Si prediligano gli ETF.

Azioni

Dopo le abbuffate degli anni addietro, si iniziano a vedere i primi rallentamenti internazionali. Questo è del tutto fisiologico e guai se non avvenisse periodicamente!  Globalmente, per abbattere il rischio, consiglierei ETF azionari in settori ad alta crescita, MSCI World, Bric, emergenti e commercio online. In UE in Maggio ci saranno le elezioni ed il clima sembra davvero indeciso, con lieve propensione ai movimenti riformatori sul modello dell’italiano e quindi dove è incertezza, l’investitore scappa! Senza parlare poi, della fine del QE da parte della BCE che farà lo stesso effetto dei consumatori di sostanze stupefacenti in assenza di esse!

Immobiliare

Il mercato italiano non da segni di ripresa ormai da anni, i mutui sono davvero bassi e ciò indica che questo asset potrebbe rappresentare una vera grande opportunità d’investimento qualora tu non sia già proprietario di una prima casa da “mettere a reddito”. Ti invito ad esplorare la pagina dedicata all’interno del mio portale nella sezione “Investimento”. Consiglio ETFche investono nel mercato USA o pensare di iniziare un accumulo sul mercato UE o italiano.

Materie prime

L’ETF sul gold è stato uno dei pochi assets in negativo al termine del 2018. Sono speranzoso che l’accumulo su tale materia prima, possa dare soddisfazioni perchè considerato ancora come uno dei migliori “beni rifugio” e si sa che quando arriva la burrasca tutti vanno in cerca appunto di rifugi sicuri.

Speculazione

Tratterò solo le cryptovalute per ciò che concerne la speculazione fine a se stessa! Archiviamo un 2018 da rimuovere dalla storia che ha visto il bitcoin passare da una quotazione a ridosso dei 20.000 Usd (Dic.2017), sperimentando un nuovo minimo storico a 3.120 USD per fermarsi alla fine dell’anno nei paraggi di 4.000.

crypto

Le previsioni crypto 2019 sono rosee?

Francamente sono numerosi i developers di un certo calibro, dirigenti di spicco e miners rinomati che si sono spinti a dichiarare che il futuro crypto sarà legato all’abbandono graduale del suo appeal speculativo, grazie a una più limpida chiarezza normativa per la successiva fase di adozione globale. Molti pensano che sarà difficile denaturare le crypto dalla loro vera essenza ma noi crediamo fermamente che la loro sopravvivenza passi da un vero e proprio compromesso istituzionale per creare i presupposti di un mercato meno volatile e più stabile.

Tutte previsioni positive? Ovviamente no! Molti analisti o pseudo tali (anche se non so proprio come facciano a prevedere il futuro in un mercato così piccolo!) prevedono che il BTC non riuscirà a riportarsi sopra i 5.000 Usd.

I progetti planetari basati su blockchain e crypto, sono talmente tanti che francamente è impensabile che le valute virtuali non vengano impiegate in numerosi altri settori.

La speculazione non si abbatte solo tramite norme apposite ma un mercato qualsiasi ha le sue leggi e coloro che le applicano sono proprio quegli istituzionali che chiamiamo Megalodonti, che insieme ai grossi sviluppatori sono capaci di acquistare o vendere migliaia di BTC in pochi minuti determinandone uno dei problemi più grandi: la scalabilità. Essa non è altro che la grossa quantità di valuta detenuta in poche avide mani che di concerto, fanno scendere e salire il prezzo delle valute come se fossero sulle montagne russe.


Conclusioni!

Insomma, gli esperti sono divisi ma le cose certe, lapalissiane sono che:

-le valute digitali vogliono finire di esser trattate come una “seconda donna”, ma vogliono assurgersi a vera e propria alternativa monetaria come veri e propri asset alla pari dei tradizionali.

-il mercato continua ad essere fortemente attenzionato e monitorato da tutto il mondo finanziario che conta.

Ergo che l’idea di continuare ad accumulare piccole porzioni di capitale, tipo Piano di Accumulo, in bitcoin e crypto, certamente è una buona idea, specie se ciò viene effettuato quando il prezzo è depresso, non credi?

Speriamo di esser stati utili ancora una volta! Commenta pure per farmi capire cosa ne pensi e ti rimandiamo al prossimo articolo! Un grande abbraccio e work hard: lavora duro perché se non lavori duro non arriverai mai una mazza!

Ti auguriamo Buone feste e felice 2019, consapevole di ciò che dovresti effettuare!

buon 2019

Grazie per l’attenzione! Tony Locorriere

Ti attendo su Amazon, per ricordarti che il miglior investimento in assoluto è qullo in conoscenza ed un buon inizio potrebbe essere quello di reperire i miei Bestseller, cliccando qui! per scaricare GRATIS i primi capitoli. Tony Locorriere

Diritti riservati da me medesimo


👋

LE MIGLIORI AZIONI SUL MERCATO

le azioni migliori

Vale la pena investire in azioni?

Di solito, molti confondono il prezzo delle azioni con il loro valore! Il prezzo è la collocazione dello strumento finanziario all’interno del suo grafico, oggetto delle attenzioni esclusive dei traders denominati “tecnici“. Il valore è tutt’altra cosa. Non è palesato in un grafico, è intrinseco ai dati aziendali e solo i cosiddetti traders “fondamentali” hanno l’ardire di accedere e consultare tali cervellotici risultati!
La battaglia tra i due tipi di traders per affermare le proprie tesi e davvero aspra ma per ciò che concerne me, sono dell’opinione che la virtù sia nel mezzo! Saper “leggere” un grafico, meglio se con time frame alti, e riuscire a mettere sotto i raggi X la Società oggetto dell’analisi, fidati è davvero un bel valore aggiunto che difficilmente darà adito a delle sorprese!
Secondo le sei leggi della Finanza, tratte dal nostro ultimo Bestseller (Risparmio Accantono Investo Guadagno), l’investimento azionario ha scarso appeal in virtù della sua monodirezionalità, cioè che vi si può guadagnare solo se sale e non se scende. Attenzione però, questo potrebbe rappresentare anche un punto di forza se seguiamo la forma mentis di uno dei più grandi investitori contemporanei: Warren Buffet, patron di una delle Holding più grandi al mondo: la Berkshire Hathaway! Se pensiamo al fatto che le aziende più grandi e efficienti al mondo, annualmente “staccano agli azionisti” quello che in gergo chiamasi “Dividendo“, una sorta di rendita a ringraziamento per il detenere le proprie azioni in portafogli, allora il tutto cambia! 

Ma esistono azioni sicure?

In linea generale, no! Parliamo comunque di capitale di rischio, investito solo per opportuna diversificazione del patrimonio. Se invece, chiediamo se esistono azioni quotate con stabili rendimenti nel tempo da poter garantire il sostentamento, la risposta è SI! Negli States, nella letteratura finanziaria, si sente spesso parlare di titoli “per le vedove e gli orfani“, cioè di titoli che hanno reso i milionari, multimilionari negli anni, titoli che hanno sparso opulenza a generazioni di investitori colmi di gratitudine.

Ma perché investire in azioni ora?

In un momento in cui i listini globali appaiono sopravvalutati, il mercato USA alle prese con innalzamenti dei tassi che potrebbero danneggiare performance, nell’attesa dell’esplosione di questa fantomatica bolla? Perché, generalmente e statisticamente, chi investe da “cassettista“, senza fretta, in Società solide non dovrebbe aver timore alcuno da nessuna correzione. 

Facciamo qualche esempio!

Dieci anni fa la crisi globale “Subprime” non era ancora esplosa e tutti i listini erano i massimi, ok? Vediamo cosa è successo! Affacciamoci sui listini globali e vediamo se esiste qualche titolo che potrebbe essere considerato come un’assicurazione sul futuro.  Quindi, se dieci anni fa avessimo acquistato a mercato, dei big, come sarebbe la storia attualmente?
  • Amazon 2.100% (inarrestabile!)
  • Brembo 763%
  • Unilever 227%
  • Nestlè 121%
  • Siemens 118%
Guardando i risultati di lungo periodo, ci permette d’individuare quelle società in grado di pagare buoni rendimenti e di avere garanzie di sviluppo, sempre che il Conto Economico sia a posto! Per quanto concerne i dividendi, Il portafoglio dei titoli indicati offre un rendimento medio 2,5% circa, ma le performance sono da panico!
Non volendo essere un invito all’investimento, attualmente sto seguendo altre società come Ominto (USA-Nasdaq), Atlantia (Italia), Gemalto (Olanda), ecc. 

Ricapitolando!

Se volessimo diversificare i nostri investimenti, inserendo azioni pure (ai neofiti consiglio ETF Azionari), dovrò valutarne:
  • La collocazione grafica per perfezionare il Timing (la tempistica d’ingresso);
  • Il valore intrinseco per confermare che l’investimento negli anni mi potrà regale ottime soddisfazioni in fatto di performance a 3 cifre;
  • Il posizionamento strategico di lungo periodo dell’Azienda all’interno di settore stabile e in buona crescita futura.
  • Il Dividendo annuale, per garantirmi una rendita, a prescindere dal suo valore!

Come fare se non ne sono capace?

La regola è semplice, ma nel contempo geniale! Se non sono capace da solo a causa della mancanza delle competenze, ho due sole strade:

  1. Acquisisco le competenze, secondo il mio motto “l’investimento con il più alto tasso d’interesse è la conoscenza efficace”, tramite corsi o letture specifiche;
  2. Faccio Outsourcing, cioè demando a qualcun altro che le competenze le ha già, come il mio amico Luca Fiandaca di “azionisicure.it“!

Ti svelo un segreto! Avrai intuito che ho una viscerale stima per Buffet. E’ il Re Mida della finanza USA. Dove tocca lui, diventa oro! In Febbraio ho appreso che una sua controllata era entrata nel capitale della Ominto, leader di CashBack mondiale e ho acquistato anch’io delle azioni. Orbene, nel giro di meno di due il mio libromesi, l’investimento mi ha fruttato il 200%. Hai capito ora? Devi seguire i grossi squali del mercato, come una remora e cibarti dei loro brandelli. Nel frattempo, devi informarti e acquisire sempre nuove competenze. Inizia dal mio libro Bestseller, vedrai che bomba!

Spero anche oggi di esserti stato utile, ti lascio attendendo un tuo commento o una domanda a cui risponderò quanto prima. Non dimenticare… work hard, lavora duro, perchè se non lavori duro non arriverai mai ad una mazza!

Tony Locorriere – Riproduzione riservata 

Disclaimer: Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate, ma ti esorta a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!