COME DIVERSIFICO IL MIO PATRIMONIO?

Sei curioso di sapere come faccio?

Oggi traiamo una bellissima lezione dal mio primo Bestseller su Amazon (qui su in copertina), inerente un problema molto percepito dal trader in erba, o coloro che si definiscono tali. Un qualcosa da cui non si può prescindere che è: la diversificazione del patrimonio!

Prima di approdare al cuore della discussione permettetemi di introdurre un paio di miei pensieri che certamente potranno esservi utili. Questa è una mia citazione abbastanza famosa nei miei canali, nella quale esprimo che:

“l’investimento con il più alto tasso d’interesse è in assoluto:

la conoscenza efficace”!

Siamo ciò che sappiamo e pongo l’attenzione sul fatto che ognuno debba necessariamente formarsi e informarsi perché il mercato è sempre più freneticamente veloce con internet e quindi dobbiamo essere più rapidi per carpire prima degli altri, prima dei competitors,  tutta una serie d’opportunità! un’altra frase che mi contraddistingue é:

“se ti vuoi arricchire, devi acquistare quando gli altri

hanno le mani tra i capelli”

Ricorda sempre l’importanza del Timing, cioè quando andare a mercato in un assets tra i fondamentali che tratteremo a breve. Se vuoi cavalcare l’onda dei rialzi devi entrare necessariamente basso! Molti staranno pensando che stia scoprendo l’acqua calda ma (ahimè) tanti altri hanno fatto errori che vanno in contraddizione a questa mia frase e peraltro, non ammetterebbero mai!

Qualora non ti piacesse leggere, ho anche preparato un bel video su questo importantissimo argomento, eccolo qui:

DISCLAIMER

Io NON sono un promotore finanziario e non posso, per legge, consigliarvi degli assets. Sono un fruitore di servizi, sono dalla Vostra stessa parte e posso però parlare di ciò che ho fatto io, posso chiedervi di prendere appunti e poi di rivolgervi al Vostro promotore il quale è pagato dalla vostra Banca per fare questo determinato genere di attività! Vi preannuncio che sarà abbastanza disorientato perché di solito “concede” consigli che la stessa Società, “obbliga” di trasferire al pubblico per raggiungere i cosiddetti obiettivi mensili o “Bonus di produzione”! Sono molto pochi gli italiani dotati di acume finanziario, tutti gli altri preferiscono hobby inutili come il calcio, la playstation, le forme sul divano, Sky mania, ecc.! Dovrai essere tu a proporre ciò che voi, il futuro è il tuo, non farti raggirare  indecorosamente con ciò che non conosci! Basta! Prendi appunti!

Il nemico giurato del Trader

Permettimi ora di farti comprendere qual è il vero nemico giurato dell’investitore: è il rischio! Bisogna imparare a diventare amici del rischio utilizzando un metodo profittevole, un sistema, una strategia grazie alla quale potrai andare a braccetto con esso e non vederlo come unità anomala, un mostro da cui scappare continuamente! Sappi di base, che il rischio è inversamente proporzionale alla tipologia ed entità dell’investimento!

Mi spiego meglio. A fronte di un alto investimento, dovremo prediligere strumenti a basso rischio e viceversa. Se l’investimento dovesse essere speculativo, cioè molto rischioso, dovrai devolvere a quel assets una minima percentuale del tuo patrimonio!

La parola d’ordine per gli investitori, i traders e tutti coloro che maneggiano denaro, è: diversificare! Significa distribuire intelligentemente le proprie risorse in settori fondamentali! Eccoli qui e li tratteremo a uno ad uno.

Diversifica il patrimonio!
diversifica il patrimonio!

Liquidità

Abbraccia circa un 10-20% del proprio patrimonio. Da molti è vista come una porzione infruttifera, detenuta sui conti correnti che non partecipa alla produzione di gain. Non è assolutamente vero! La liquidità è determinante perché la ritengo essere, un fondo d’emergenza. È quella porzione di patrimonio che aumenta mensilmente grazie alle entrate del Cash-Flow, da cui potrò costantemente attingere per:

  • Elevare le mie conoscenze acquistando libri, effettuando corsi, ecc.;
  • Creare un’osmosi periodica naturale verso altri assets;
  • Entrare repentinamente in assets mancanti, qualora il prezzo diventi basso ed allettante!

Obbligazionari

Detti Bond nelle nazioni anglosassoni, gli concederemo una bella fetta della torta, circa 40-50% perché? Come già spiegato precedentemente, le obbligazioni hanno un rischio molto limitato e non danno grandi percentuali di guadagno, quindi, io vi accantonerò gran parte delle mie risorse. Avrai la possibilità d’acquistare obbligazioni “pure”, altrimenti consiglio maggiormente i Fondi Comuni di Investimento (FCI) o ancor meglio gli Exchange Traded Fund (ETF ), riguardo ai quali ho già effettuato un esauriente video che ti consiglio vivamente di andare a visionare, cliccando qui!  Se proprio devo sbottonarmi,  il consiglio didattico che mi sentirei di esternare, è quello di attenzionare fondi obbligazionari che investono prioritariamente sugli Stati Uniti, nel lungo termine (75%) e poi nel medio termine (25%).

Azionari

Con questi strumenti, il discorso è quasi identico alle obbligazioni. Io ho destinato circa il 20% del totale e le azioni“pure” io le destinerei a quel profilo di investitore/trader che definisco “avanzati”.Niente paura, anche qui abbiamo FCI e ETF e ne consiglio la frammentazione in base a tipologie geografiche preferendo gli indici mondiali più rinomati, e settori merceologici. Questo 20% l’ho diviso in altri cinque strumenti!


Immobiliare

A questo ambito ho destinato il 10%. Possiamo pensare d’acquistare immobili da affittare (Buy to Rent) ma ci sono formule più moderne come l’affittare per poi subaffittare (Rent to Rent), ecc. Ti rimando alla visione di più informazioni, nella pagina Investo/Immobili. Sinteticamente, l’investimento può essere fisico oppure anche qui abbiamo FCI o ETF. Al momento, prediligo la USA zone al 75% e la UE zone al 25%.

Materie prime

Alle cosiddette commodities, ho attribuito il 10%. Per investimento puro a lungo termine, ho pensato solo al Gold (Oro) per un 50% e l’altro 50% in ETF su acqua, che ritengo essere l’oro del futuro!

Speculazioni

Dovessi andare in banca, il tuo promotore esorcizzerà in tutti i modi questo genere di assets. Ha perfettamente ragione! Come in tutto, molto dipenderà dal tuo livello nozionistico, della serie: se la conosci, non ti uccide! La speculazione è uno strumento ad altissima capacità di guadagno ma anche ad altissima possibilità di perdita! Per tale motivo, gli ho destinato solo un minimo del patrimonio, tra 2-5% max. Quali sono questi strumenti? Beh, sono il Forex, le Opzioni binarie, il Betting ma, al momento, io seguo da vicino bitcoin e le cryptovalute per le quali mi ritengo competente a tal punto d’averci scritto quello che è ancora adesso un Amazon Bestseller: Bitcoin Superstar!

Infine, una ripartizione del genere, negli ultimi anni ha portato al sottoscritto benefici a due cifre senza fare assolutamente nulla. Ciò fa capire che siamo sulla buona strada! Avrei terminato e l’ultimo consiglio che mi permetto di ripeterti è quello d’investire in conoscenza!

Un grande abbraccio e work hard: lavora duro perché se non lavori duro non arriverai mai una mazza!

Speriamo di esser stati utili ancora una volta! Commenta pure per farmi capire cosa ne pensi e ti rimandiamo al prossimo articolo!

Grazie per l’attenzione! Tony Locorriere

Ti attendo su Amazon, per i miei Bestseller, digitando il mo nome o cliccando qui!

cover mio libro

Diritti riservati da me medesimo


👋

[GESTIONE] COME NASCE UN’ATTIVITÀ VINCENTE?

Da dove si inizia per intraprendere qualsiasi cosa?

Ogni attività, non solo economica o commerciale, ha inizio con un’idea. Essa deve essere logica e realistica, sostenibile e misurabile, fattibile e sviluppabile. Apparentemente sembra tutto facile ma non è così. Le insidie, in ambito economico e commerciale, sono tante e spesso si nascondono per poi profilarsi e apparire nel momento meno opportuno e nel modo peggiore. Per tale motivo ho bisogno di programmare, pianificare tutto e nel peggiore degli scenari tramite un piano scritto!

La visione imprenditoriale e gli obiettivi fissati non possono dunque fare a meno di considerare tutta una serie di elementi e di variabili che possono condizionare e determinare la riuscita. Questi strumenti si chiamano mercato, prodotto, concorrenza, tecnologia, marketing, comunicazione, organizzazione, pianificazione e analisi finanziaria. Impara a ricordarli perché serviranno in ogni ambito, attività che vorrete sviluppare tramite una visione imprenditoriale dell’insieme!

Come fare praticamente?

Innanzitutto, seguire il nostro schema sottostante che potrai tranquillamente salvare tra le tue cose per servirtene quando vorrai!

Come costruire un efficiente PIANO DI MARKETING

Partendo da un’idea realistica, ci si deve subito cimentare con una prima bozza di un  Piano di Marketing (da ora PdM) necessariamente in forma scritta e attuabile. Il PdM è composto da una Mission, da una Vision, da una Policy aziendale, dalla consultazione delle norme vigenti, dall’esecuzione di un Bilancio previsionale e da una fase di Testing & Developing continua. Vediamo ciò che serve per iniziare!

La mission risponderà alle domande:”cosa sarà offerto, a chi si rivolge e perchè esisterà questa Azienda?”, designandone così, scopo e precise finalità. Senza un perchè, non si costruisce mai nulla! Più forte e grande sarà il perchè, più veloce sarà la costruzione dei tuoi sogni!

La vision risponderà alla domanda: “cosa vuole diventare quest’Azienda?”. Identificherà la direzione dell’organizzazione per impostare adeguatamente una coerente politica di comunicazione. Questi dueprimi passi saranno davvero fondamentali al prosieguo della creazione!

La policy aziendale risponderà alla domanda:  “Come procederemo?“. Identifica le linee guida operative e strategiche per definire l’organizzazione decisionale dell’impresa. Sapere a priori come fare e come agire è determinante per il successo di un’impresa. 

Le norme vigenti (consulenti) e la compilazione di un bilancio previsionale, risponderanno di riflesso ai primi tre determinanti passi. Vorrei ora soffermarmi sulla fase che vi permetterà di risparmiare una montagna di soldi e che pochissimi, attuano: il Testing & Developing!

Esso consiste anche di testare l’efficacia del prodotto in maniera preventiva, senza aver ancor aperto il portafogli! I sistemi sono tanti, potresti aprire una nuova pagina Facebook, creare una landing page, formulare un sondaggio a premi, nel quale chiedi alla gente (anche tramite ADS a pagamento, investendo pochissimi soldi) se piace il tuo nuovo prodotto in uscita a breve, se piace blu o bianco, di che forma, di quale grandezza ecc.! Il dogma del marketing è: “chiedi cosa vogliono e daglielo!”. Solo così potrai sapere se la tua idea ha un mercato e come è desiderato, producendo proprio ciò che vuole il cliente e non come lo volevi tu! Tu non conti nulla nel mercato, il cliente si! Testa questa tecnica e ridurremo drasticamente il numero di fallimenti nel mondo…ahahahah!

Mission, vision, policy, l’attenzione alle norme vigenti (consulenti), la compilazione di un bilancio previsionale e il Testing & Developing, costituiscono il PdM ed esitano nella formulazione di una completa ed efficace strategia aziendale.

Qual è il segreto per avviare un’attività di successo?

Spero che tu abbia capito che il vero segreto per la riuscita di ogni nuova attività, risiede SOLO nel Piano di marketing! In passato la gente alzava le saracinesche dei locali ed attendeva il cliente. Ora tutto è diverso, vince colui che si “vende” meglio ai suoi followers sui social. Essi chattando, chiedono se è disponibile un prodotto, così risparmiano un passaggio a vuoto, tu rispondi in maniera veloce e la vendita si conclude! Aggiornati continuamente perché in futuro sarà ancora peggio a causa dello sviluppo inarrestabile degli eCommerce.

Attenzione, a prescindere dalla qualità di prodotti e servizi che offri alla tua clientela, se non costruisci un piano di marketing efficace o non sai come rivolgerti a una particolare fetta di mercato, non riuscirai a raggiungere i tuoi obiettivi di business. Non dovrai vendere un prodotto, ma te stesso, le tue capacità di trovare clienti e non viceversa come nel passato. Ecco perché per la maggior parte delle attività commerciali è molto importante implementare un opportuno piano di marketing efficace.

La maggior parte delle aziende non può contare su queste informazioni perché sono spesso gestite da pessimi consulenti che vogliono solo spennarle! La miglior gestione è la propria, ne sono sempre più convinto!

Usa il nostro form e mettiti subito a progettare! Noterai che il piano era già nella tua mente, ma sul foglio A3 avrai un quadro generale: punti di forza e lacune da colmare! Anche questo è un testing, no? Buon lavoro!

RISPARMIO, ACCANTONO, INVESTO, GUADAGNO!

TONY LOCORRIERE

👋

[RISPARMIO] FONDI PENSIONE: PERCHÈ SOTTOSCRIVERNE

fondi pensionePerchè parliamo di Fondi Pensione?

Caro lettore, la riforma della previdenza entrata in vigore il 1° gennaio 2007, ha istituito la possibilità di aderire ad un fondo pensione o di sottoscrivere una polizza pensionistica per integrare quella che un giorno saranno le briciole della nostra pensione ordinaria. È ormai sotto gli occhi di tutti il gran casino combinato successivamente  dalla L.201/2011, detta “Legge Fornero sulle pensioni” inerente l’innalzamento dell’età contributiva dei lavori e lo slittamento della propria pensione! Noi privati, non possiamo rimanere inermi dinanzi a tali incompetenze e per tale ragione ci siamo avvicinati ai “Fondi Pensione”, conosciuti e stipulati da appena il 3% dei lavoratori, a causa del noto e scarso livello di cultura finanziaria personale riconosciuto all’italiano medio. Rifletti solo sul fatto che: pubblicizzeresti un prodotto che non ti fa guadagnare nulla? E se concedesse notevole valore al tuo cliente? Capisci ora il motivo del cambiamento? Bene, chi volesse avvicinarsi a questo completo ma sottovalutato strumento di Risparmio, accantonamento, Investimento e Guadagno, innanzitutto, consigliamo il download del Decreto Legislativo di referimento, il nr. 252 del 2005 che “Disciplina le forme pensionistiche complementari”.

Prima la legge e poi tutto il resto!

Quali sono le forme pensionistiche complementari?

quale fondi pensioneEsistono diverse categorie:

  • I fondi pensione negoziali
  • I fondi pensione aperti (FPA)
  • I fondi pensione di categoria
  • I piani individuali pensionistici (PiP)

In base a come sono costituiti, si distinguono generalmente in collettivi o individuali. I collettivi riguardano un gruppo di lavoratori che appartengono alla stessa azienda, gruppo, comparto o settore produttivo, e l’adesione ai prodotti finanziari viene contrattata appunto per categoria, qualora già previsti. I fondi di categoria, sono ”chiusi” perché legati al contratto collettivo di lavoro e ogni settore ha il proprio. Un lavoratore dipendente, aderendovi, per poter canalizzare il contributo del datore di lavoro, deve ovviamente sottoscrivere quello del proprio settore.

Al contrario, le forme pensionistiche individuali  possono essere attuate in due forme: adesione a un Fondo Pensione aperto, destinato a lavoratori dipendenti o autonomi, e piani individuali pensionistici  che non sono fondi ma un tipo di assicurazione con finalità pensionistiche, questi ultimi sconsigliati perché preferiamo di gran lunga gli aperti e vediamone subito il perché! 

Perché convengono gli aperti?

I fondi pensione aperti (FPA) sono istituiti e gestiti da:fondi pensione contro tfr

  • Compagnie di assicurazione
  • Banche
  • Società di intermediazione mobiliare
  • Società di gestione del risparmio

Nell’ambito del patrimonio della società che li istituisce, i fondi pensione aperti costituiscono un patrimonio separato finalizzato esclusivamente all’erogazione della previdenza complementare. I FPA hanno generalmente bassi costi di gestione e offrono invidiabili agevolazioni fiscali. Difatti, la normativa a riferimento prevede spese di “caricamento” massimo del 3%, hanno tassazione annua agevolata sui rendimenti in base alla scelta della linea d’investimento azionaria o obbligazionaria (20% azionaria e 12,5% su titoli di Stato in White list, contro il 26% dell’aliquota renziana), sono esenti da bollo, al ricorrere di specifiche situazioni puoi richiedere delle anticipazioni sul versato, la completa flessibilità dello strumento che prevede versamenti aggiuntivi con periodicità libera e il più grande appeal per lo strumento: la deducibilità! È proprio la deducibilità che dovrebbe indurti, da sola, a stipulare un fondo pensione perché qualora tu avessi un imponibile reddituale che non riesci a ridurre, le imposte sulla dichiarazione dei redditi ti verranno calcolate su di esso. Di contro, se riduci l’imponibile con gli strumenti deducibili e detraibili, l’impatto commissionale sarà di gran lunga ridotto, con notevole soddisfazione delle tue tasche (meglio a noi che a loro, no?). Con i fondi pensione aperti potrai dedurre la percentuale della tua IRPEF, per un massimo versato di 5.164,57€. Non conosco la tua aliquota, ma il calcolo di massima è abbastanza semplice. Ad esempio, per l’aliquota IRPEF al 38%, la deducibilità risulterà poco al di sotto dei 2000€. Non male davvero, non credi? Infine, con i FPA sarà possibile aprire delle posizioni integrative anche per i soggetti “fiscalmente a carico” come moglie e figli, beneficiando delle deducibilità su di essi fino alla maggiore età, nel caso di minori, sempre fino al tetto massimo cumulativo, predetto.

Quale fondo scegliere?

quale fondi pensioneInnanzitutto, è importante ricordare che l’autorità amministrativa di controllo, adeguamento e vigilanza su queste forme pensionistiche, è la COVIP. Ha anche lo scopo di garantire la trasparenza e la correttezza nella gestione e nell’amministrazione dei fondi pensione e di concederti notevoli informazioni per aiutarti a scegliere il fondo migliore, come nel seguente breve video:

T’invitiamo a esplorarne il sito, per renderti conto del fatto che, per agevolare il pubblico e rendere semplice il confronto della miriade di costi di ogni FPA, la COVIP abbia intelligentemente pensato di pubblicare un Indicatore Sintetico di Costo (ISC) che esprime in modo semplice, immediato ed univoco il costo annuale in percentuale della posizione individuale maturata, sostenuta da un iscritto a una forma pensionistica, con contributo fisso di 2500€, ipotizzando un rendimento annuo del 4%. Per il calcolo vengono utilizzati i costi standard, senza tener conto delle agevolazioni specifiche. 

Ad ogni buon conto, devi sapere che le spese potranno essere: dirette e indirette per l’adesione, commissione annua di gestione, costi per l’anticipazione-trasferimento-riscatto-switch o ricollocazione-cambio ripartizione futura, costi per l’erogazione della rendita e l’importante “Tasso tecnico”.

Il Tasso Tecnico è un fattore che influisce in modo apprezzabile sull’ammontare della pensione integrativa. La rendita cresce negli anni seguendo il rendimento del fondo gestito dalla compagnia che si occupa di versare la rendita. Se, ad esempio, questo rendimento è pari al 3,5% (al netto dei costi trattenuti) e il tasso tecnico è del 2,5%, la rendita si rivaluterà dalla differenza tra le due, cioè 1%. Va da se che se si desidera una discreta rivalutazione del fondo, si dovrebbe optare per un fondo con il minor tasso tecnico. Non fatevi abbagliare dai soli rendimenti annuali, perché sono aleatori se poi un alto tasso tecnico, li erode completamente.

Alcune curiosità da sapere

La pensione complementare si ottiene quando si maturano i requisiti di legge per la pensione pubblica, di vecchiaia o di anzianità, purché si siano cumulati almeno 5 anni di partecipazione nel fondo pensione. Possiamo tranquillamente affermare che, considerata l’alto tasso di deducibilità, molti pensionati continuano a versare nonostante la possibilità di riscatto.

Per chiedere un anticipo sui soldi accumulati sul fondo, proprio come si fa con il Tfr, è necessario essere iscritti al fondo da almeno 8 anni e la richiesta deve essere motivata dall’acquisto o ristrutturazione di una casa (anche per i figli), per spese sanitarie comprovabili. Invece, si potrà chiedere fino al 30% per qualunque altro motivo.

Nel caso in cui si cambia lavoro, si può decidere di riscattare il fondo, cioè chiedere la restituzione di tutti i soldi versati fino a quel momento, oppure volendo, si chiede il trasferimento della somma da un fondo all’altro. In entrambi i casi la restituzione o il trasferimento non sono immediati e possono passare anche diversi mesi.

E quando sarai in pensione?

pensioneAnche se prematuro, ci saranno alcune decisioni da prendere. Prima di tutto che tipo di rendita si desidera. Di massima, la restituzione dell’intera somma è prevista solo se si sono versati non più di 65.000€ in tutta la vita contributiva. Altrimenti il fondo pensione restituisce i soldi sotto forma di rendita, che si aggiunge e fortifica quella dell’Inps. Ma attenzione, perché se non è reversibile, in caso di decesso la pensione non sarà percepita dagli eredi. Se si opterà per la onerosa rendita reversibile, allora in caso di decesso continuerà a essere percepita dal beneficiario indicato.

Speriamo di esser stati utili a darti un quadro dell’offerta su questi misconosciuti strumenti! Ti rimandiamo al prossimo articolo e qualora volessi formularci una tua domanda, non esitare a farlo, nell’apposito spazio di seguito!

Il miglior invstimento? La conoscenza efficace!

Ti attendo su Amazon, digitando il mo nome!

Diritti riservati da Tony Locorriere

[CULTURA] LE COSE CHE LA SCUOLA NON INSEGNA!

Cos’è la cultura?

Il termine “cultura” deriva dal verbo latino colere , “coltivare” poi esteso a quei comportamenti che imponevano una “cura verso gli dei”, da cui il termine “culto” e a indicare un insieme di conoscenze. Fondamentalmente e sinteticamente, è allora l’efficace reperimento ed accumulo d’informazioni conoscitive specifiche e spesso aspecifiche! Non si può umanamente essere colti in tutto, ma soprattutto lo si diventa nei settori d’interesse che raramente (sbagliando) diverranno quelli lavorativi! Un ingegnere è colto nel suo settore (si spera, almeno) ma non è detto che lo sia in campo finanziario, medico, umano, comunicativo e viceversa per gli altri professionisti presi ad esempio!

Vorrei che rispondessi

a te stesso, circa questa importante domanda: “ma secondo te che valore hanno oggi le informazioni che “acculturano”?“. Prenditi qualche secondo e prova a rispondere in coscienza!  Tic…Toc, Tic…Toc!
Orbene, secondo il mio punto di vista, con l’avvento del fenomeno internet, dove ognuno di noi possiede un’enciclopedia universale nel proprio telefono o computer, che concede la possibilità di attingere ad enormi moli di informazioni 24 ore al giorno per 365 giorni, fidati di me, il valore è molto basso!

Rimanere nell’ignoranza,

attualmente, è solo una scelta propria! Siamo dinanzi a cambiamenti epocali ma pochi se ne accorgono perché edulcorati dagli ipnotizzanti media. Molti dicono che viviamo l’era dell’informazione, ma personalmente penso sia già passata a favore di una nuova era, quale? Rifletti su questo ragionamento: quando vi è la sovrabbondanza di un qualcosa, irrimediabilmente avremo la penuria di un qualcos’altro! Vivendo in un era di “overload informativo”, dove le informazioni sono eccedenti rispetto a quelle che ci servirebbero, a fronte di un’abbondanza di esse, chi fa marketing a buon livello si è accorto che la penuria maggiore investe la nostra attenzione, ormai definita “merce rara”.
Orbene, attualmente stiamo attraversando l’era dell’attenzione e non quella dell’informazione e i cambiamenti si succedono alla velocità della luce, anche inconsapevolmente ai più attenti! Vuoi un esempio?

Al tempo dei nostri genitori

(parola di quarantenne), avere informazioni e conoscenza rivestiva un ruolo cruciale perchè le informazioni erano ancora appannaggio di pochi poiché studiare era un privilegio e il fatto di esserne in possesso costituiva già un vantaggio competitivo di enorme valore che il mercato del lavoro ricompensava con l’ambito “posto fisso” (Checco Zalone docet). Attenzione però, esser diplomati in ragioneria non significava saper fare il ragioniere, bensì semplicemente avere un pezzo di carta, il diploma, che garantiva il poterlo diventare attraverso la pratica.  Negli anni però, allargandosi il numero di persone che potevano accedere a quel pezzo inutile di carta, è diventato insufficiente per garantirsi l’agognato lavoro.

La stessa cosa, più di recente, sta accadendo con gli studi universitari, mentre 20 anni fa i laureati erano richiesti dal “mercato”, specie nelle materie tecniche, attualmente , le informazioni non sono più una risorsa per pochi e la cosa rivoluzionaria è che non è più necessario andare all’università per reperirne. Oggi basta avere un device portatile, un computer con connessione al web, per poter consultare la più grande biblioteca mai esistita, senza allontanarsi dalla propria abitazione! Chiunque abbia voglia di studiare ed impegnarsi può diventare un assoluto esperto in qualsiasi campo dello scibile umano. La laurea non conta più come un tempo e prevedo che conterà sempre meno perché ci saranno ambiti come l’informatica, dove si studiano argomenti già in buona parte obsoleti al termine del ciclo di studi, sembrando anche limitante rispetto allo “smanettone” che impara le tecniche più evolute ed aggiornate direttamente sul campo. Sai chi sono i geni informatici super pagati dalle istituzioni mondiali? Gli ex hacker, non certamente i laureati con i massimi voti ad Harvard!

Ricordati che

siamo ciò che sappiamo“, la competenza è un ambito molto difficile da ritrovare in giro. Vige una superficialità a livelli impressionanti e i competenti fanno fortuna in ogni ambito. Sviluppa capacità comunicative, abilità di lavoro in team e leadership personale, attitudini al cambiamento, atteggiamento positivo e propositivo e diverrai irresistibile per l’ambito lavorativo contemporaneo.
A riprova di ciò che dico, prova ad andare su di un qualsiasi social network e noterai il dilagare di figure esperte in un determinato settore, si autodefiniscono “coach”, nati per cavalcare lo tsunami causato dai problemi principali quando vi è troppa offerta d’informazione: l’efficacia e la mancanza di comunicazione!

Internet per molti, me compreso, è un bacino inesauribile d’informazioni inutili nel quale ricercare ciò che davvero stiamo cercando risulta essere un’impresa molto ardua. I coach servono proprio a questo, cioè a raccogliere, organizzare, spiegare tutte quelle informazioni relative a quel determinato ambito d’interesse, ma solo pochi riescono ad essere davvero efficaci e per tali motivi consigliamo di rivolgersi sempre ai numeri uno, certamente più onerosi ma sicuramente più competenti.

Per quanto concerne la mancanza di comunicazione, invece, vorrei chiederti a quanti corsi di aggiornamento in merito hai effettuato? E secondo te, quanti ne vengono offerti agli insegnanti, ai medici, agli avvocati, ecc.? Nessuno, ovvio! Nessuno è tenuto a dimostrare di saper comunicare efficacemente per essere abilitato alla professione! C’è qualcosa da cambiare, non credi?

In un mondo che varia a ritmo frenetico,

constatiamo che la generazione multimediale di mia figlia adolescente riceve l’istruzione di base da un sistema scolastico inalterato nei contenuti, nei decenni. Gli insegnanti fanno certamente del loro meglio, ma il problema giace nell’arcaica concezione del sistema scolastico basato sul programma da portare a termine e non su obiettivi di apprendimento. Non lo dico io, lo disse un certo Einstein che: ”se si giudica un pesce per le sue capacità d’arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido!”.

Anche noi genitori non siamo al passo con i nostri figli perché non comunichiamo efficacemente utilizzando anche i loro strumenti innovativi, pensiamo che essi debbano ricevere i nostri “consigli” in modo passivo, “devi pulire la stanza”, “vieni a mangiare”, ecc.. Apprendere, oggi sempre più diventare responsabili in prima persona, delle proprie scelte e non più eseguire bovinamente ordini per ritrovarsi così ad essere omologati a tutti gli altri.

In definitiva, qualora ti sia piaciuto, fai leggere  questo mio articolo anche ai tuoi figli ed alla fine discutine i tratti salienti con essi o cerca di farli divertire cercando di trarne una scaletta da ricordare.
Infine, ti allego qui di seguito, alcuni consigli per i nostri ragazzi, basati su di un famoso passaggio di Bill Gates, letto ad alcuni studenti statunitensi, per prepararli alla vita extra scolastica! Buona vita…con tante competenze!

Diritti Riservati da Tony Locorriere

GLOBALIZZAZIONE MONETARIA

 globalizzazione monetaria

Cos’è la Globalizzazione?

La globalizzazione un fenomeno planetario di grande impatto che interessa le sfere economiche, sociali, culturali e politiche. Si manifesta tramite un’unificazione dei mercati mondiali e un conseguente legame di reciprocità fra tutti i vari paesi del con risvolti positivi ma anche negativi.

Oggi è possibile comunicare direttamente con persone all’altro capo del mondo, acquistarne oggetti o servizi, è possibile viaggiare in territori molto distanti, spostare capitali agli antipodi con un solo click, reperire informazioni su ogni dove in tempo reale, ecc. Tutto ciò grazie alla forte intensificazione delle relazioni su scala mondiale anche grazie ai social network, agevolate dalle nuove tecnologie informatiche, dalle potenziate telecomunicazioni e dall’aumento dell’utilizzo delle nuove monete digitali. Parliamo di “villaggio globale” sempre più simile nei modi di vivere, di lavorare e forse comportamentale delle persone che lo abitano il mondo, anche se questo fenomeno non avviene allo stesso modo in tutte le parti della terra.

La globalizzazione culturale

globalizzazione culturaleCi si trova spesso a rapportarsi con le altre culture, cioè con altri modi di vivere e pensare. Queste relazioni con altre società e Civiltà portano a ovvi scambi culturali. Ciò accade con maggiore frequenza con aspetti quali la cucina, in modo di vivere, il modo di divertirsi. Molto meno ovvia è la comprensione e l’acquisizione di moduli religiosi e filosofici, i modi di essere e di pensare cioè la cultura profonda di un popolo. Si rimane ancorati alle proprie tradizioni religiose, di pensiero e di comportamenti sociali che caratterizzano il territorio in cui si vive. Ma anche queste tenderanno a diffondersi da un’area del mondo ad altre, emancipando dove servirà, rendendoci sempre più “cosmopoliti“, cioè cittadini del mondo.

La globalizzazione dell’economia

L’attività economica è la ricchezza di un paese oggi dipendono sempre più degli altri paesi, in maniera concatenata. Esiste un’interdipendenza delle economie dei singoli Stati che una delle principali caratteristiche e conseguenze della globalizzazione dell’economia. Oggi se l’economia di un paese è in gravi difficoltà o al contrario in forte espansione, vi sono conseguenze negative o positive anche in altri paesi e a volte in tutto il mondo. L’economia mondiale è quindi diventata un “Sistema mondo”, sempre più un sistema unico, un sistema di elementi, gli stati, che sono legati tra loro in modo sempre più stretto. In questo sistema globale, gli evoluti mezzi di trasporto e comunicazione hanno un ruolo fondamentale, permettendo maggiori e più frequenti scambi commerciali e più cospicui spostamenti di denaro digitale. Il primo attore di questo stato di cose è: la multinazionale, impresa con filiali in tanti paesi del mondo che produce intensamente dove costa meno e vende dove profitta maggiormente, operando una specie di osmosi economica dai paesi più ricchi ai più poveri!

Un discorso completamente a parte ma abbastanza calzante al fenomeno globale, è quello inerente alla diffusione delle criptovalute e del suo re indiscusso: il bitcoin. Ogni Stato persegue innanzitutto ed ovviamente interessi personali, utilizzando la propria valuta nazionale. Attualmente, il globo e “dollarocentrico“, ma finalmente le cripto iniziano a mettere in discussione questo primato, tramite valute digitali perfettamente globali, senza nessuna bandiera che fomenta quella che io definisco “criptanarchia monetaria” in totale contrapposizione verso i sistemi tradizionali contraddistinti dal controllo di banche centrali e inutile intermediazione bancaria. Il futuro è già digitale, basta verificare il numero di transazioni che effettuiamo con le carte. Le valute si evolveranno in senso criptico, è inevitabile, come più volte dichiarato dai grandi della finanza mondiale come Bill Gates, Elon Musk, ecc. Se ti interessa saperne di più, magari per guadagnare sull’evoluzione in atto, ti attendiamo alla lettura del nostro Amazon Bestseller, segnalato al termine di questo articolo. 

I problemi della globalizzazione

globalizzazione problemiLa globalizzazione dell’economia, come abbiamo visto, ha portato dei vantaggi come la maggiore scelta di prodotti, la possibilità di spostarsi più facilmente, il miglioramento delle condizioni di vita in molti paesi, ecc. Però questo processo non è scevro da problematiche, vediamone qualcuna.

  1. Il grande divario tra i paesi ricchi e poveri, ma anche all’interno dei singoli stati aumenta il divario tra i pochi cittadini ricchi e i tanti cittadini poveri, che la robotizzazione acuirà tantissimo. Già si sta pensando a “Redditi di cittadinanza” per agevolare l’integrazione e la sopravvivenza dei cittadini che rimarranno inoccupati, in eterno!
  2. Il rischio “contagio” delle crisi per tutti i paesi e tutte le regioni, come ha già insegnato la Grecia per la Comunità Europea. Le difficoltà in un certo paese, coinvolgono in qualche misura anche gli altri in una sorta di epidemia economica globale, peraltro sempre più frequenti come quelle recenti 1997, 2001, 2011 che ha colpito tutti i paesi più ricchi.
  3. L’impatto ambientale è un altro nodo decisivo. L’indiscriminata crescita industriale ha elevato di fatto le economie, ma allo stesso tempo incrementato sia le produzioni inquinanti sia il consumo di risorse naturali spendibili. Negli Stati a maggior reddito, i consumi crescono esponenzialmente. Grande città, è sinonimo di smog e invivibilità! Inevitabilmente ciò porterà a sperimentare anche la globalizzazione della malattia. Prova solo a farci caso! Contagi ed epidemie che in passato si diffondevano su larga scala, oggi sono caratterizzate da imprevedibilità e rapidità. L’emigrazione porta con se tubercolosi, malaria, pediculosi, scabbia, ecc. in aree differenti da quelle di nascita e diffusione iniziale.

Per tali motivi ed altri più complessi, molti movimenti contestano la globalizzazione. I “No global” manifestano incessantemente in molti paesi del mondo, accusando in primis le multinazionali e il loro forte peso economico che condizionano le scelte dei Governi. Le imprese commettono notevoli danni ambientali derivati dal minore controllo istituzionale, comprato con la tacita promessa di continuare a produrre in que determinato Stato!

Tu cosa pensi sulla Globalizzazione, attendo un tuo commento a cui risponderò prima possibile!

Bitcoin superstar

Ti attendiamo anche sulla nostra nuova pagina Facebook, per aggiornamenti sull’argomento, ovviamente “Bitcoin Superstar“. 

 Tony Locorriere

Le menti mediocri condannano abitualmente tutto ciò che è oltre la loro portata”.

– Riproduzione riservata da diritti –

Disclaimer:
Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate. Ti esorto a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!

I CONSULENTI BANCARI CI PARACULANO!

I CONSULENTI BANCARI

Ma davvero credi ancora alle storielle?

Il sistema bancario sa tutto di te e te non sai nulla di esso! Sa quanti soldi hai, come li ottieni, come e dove li usi e li spendi. Tu non sai nulla del Sistema bancario e tanto meno della tua banca: cosa fanno dei tuoi soldi, dove li mettono e se ce li custodiscono davvero!

In questo articolo ti svelerò come stanno davvero le cose, per aiutarti a prendere piena consapevolezza sul questo sistema per il quale preferisco non usare aggettivi. Mi focalizzerò sui consulenti finanziari, di qualsiasi natura essi siano, mentre se non conosci il “Sistema del debito”, cioè come è settata l’economia attuale, ti rimando alla visione di 3 sconcertanti video, nei miei canali, cliccando qui! Inizia dalla visione di questo breve video sull’argomento:

Orbene, il tuo consulente finanziario è ovviamente retribuito dalla banca in cui sei cliente. Settimanalmente, le case madri, inviano capillarmente a tutte le filiali, un apposito report nel quale specificano gli strumenti emessi dallo stesso Istituto, o in convenzione con esso, sui quali dirottare le scelte dei propri clienti. I personal banker, come amano farsi chiamare attualmente, sono fortemente interessati a proporti ciò che rende di più a loro stessi, e non ciò che rende maggiormente a te, ma c’è dell’altro. Dopo anni passati a piazzare strumenti comandati, anche volendo, come potrebbe un consulente, prendere delle iniziative a favore del risparmiatore?

A tal proposito, conosci dei bancari, consulenti, direttori di filiale? Ne conosci qualcuno che è ricco? Ne conosci qualcuno che si è messo in proprio? Tranquillo, conosco già le risposte! La maggior parte preferisce comodamente abbeverarsi alle mammelle dell’Istituto. Non sono da biasimare, chiunque lo farebbe al posto loro, ma corriamo ai ripari!

Cosa devi fare?

Dovessi cambiare banca, non accettare un consulente qualsiasi, ma sceglilo! Come trattato nel mio “Amazon Bestseller“, formalizzagli qualche domanda sul questionario MiFid,  oppure su strumenti finanziari diversi che non siano “Fondi comuni d’investimento”, per saggiare la loro competenza in materia! Chiedigli come funzionano gli ETF, cos’è il TER (Total Expence Ratio), l’entità delle spese sui prodotti consigliati, che ne pensa dell’interesse composto, ecc. Chiedigli se segue una strategia di investimento (asset allocation) rispetto al tuo profilo di rischio ed in base a cosa, a quali indicatori lo ha definito. Chiedigli il numero dei clienti che gestisce, qual è la giacenza media di essi. Perchè? Semplice, dovessimo trovarci in pieno “panic selling”, cioè vendite generalizzate sostenute da notizie improvvise, o al contrario quando si presenta una grande opportunità nel mercato, è importante il “Timing”, la velocità d’azione in uscita o in entrata dal mercato. Orbene, il consulente chi pensi, chiamerà per primo? Ragiona! I clienti più grossi, poi i più piccoli, forse! Il dove sarai collocato nella lista dei clienti, è di estrema rilevanza, non credi? Cerca di essere tra i “migliori clienti” della tua fascia o del tuo consulente!

Ti avviso che le risposte che avrai, nella maggior parte dei casi, potrebbero essere evasive. Il loro lavoro non contempla la loro crescita in materia finanziaria, ma solo la mera sopravvivenza grazie alle commissioni generate dalle tue movimentazioni. Compatibilmente con l’entità del tuo conto, metti subito in chiaro ciò che vuoi (spero vivamente che tu abbia letto il mio libro, a riguardo) e pretendi un consulente competente, altrimenti preferirai cambiare banca!

Io utilizzo, da anni ormai, solo banche online. Di massima, non avrei bisogno di nessuno che mi consigli, ma ho una personal banker con vivo spirito protettivo! Non è facile trovarne di così brave, e penso che il gentil sesso abbia doti conservative più accentuate. E’ sempre un piacere per me confrontarmi con lei, perché ho sempre da imparare qualcosa di nuovo!

Torno a ribadire che ormai le banche sopravvivono traendo profitto dalla compra-vendita al retail (cliente finale) di strumenti finanziari, facendo leva sulla tua ignoranza in materia. Trattasi di strumenti con TER  altissimi come fondi comuni, polizze vita e, per i più fortunati per capitalizzazione, gestioni patrimoniali.  Devi imparare a gestire tu i tuoi affari, e non affidarli alla tua banca! Stiamo sempre più deviando verso le banche online, perché sono certamente più competitive, ma molti temono di perdere in contatto diretto con il consulente e di rimanere in balia dei tumultuosi mercati internazionali.

Vuoi una previsione?

Gli sportelli sono un grande costo per gli istituti e pian pianoprevedo! saranno destinati a scomparire. Ci stanno “educando” a fare benzina da soli, la spesa da soli, a lavarci l’auto da soli, ad acquistare tickets d’ogni tipo da soli, grazie all’automazione online. La banca evolverà alla stessa maniera e i conti web a bassissimo costo, ne sono la dimostrazione più lampante. Ci stanno solo educando, non ci stanno facendo un favore. Anche il personale bancario sarà fortemente ridotto e basta leggere i quotidiani per renderti conto che i tagli al personale dei  grandi gruppi, si stanno verificando già da ora.

Riassumendo:

  • Cambia precocemente il tuo conto corrente tradizionale in conto online, clicca qui per leggere questo nostro apposito e dettagliato articolo con diversi consigli;
  • Prenota un incontro con il tuo personal banker e chiedi che tipologia di cliente sei (qualora tu non lo sappia), a mente del questionario MiFid;
  • Chiedi che tipo di “asset allocation” consiglia per il proprio profilo di rischio, cioè come intende diversificare il portafogli;
  • Chiedi i TER dei prodotti consigliati e i loro Benchmark di riferimento (spalancherà gli occhi! ahahahah);
  • Domanda perché non ha inserito gli economicissimi ETF nel portafogli, al posto di strumenti ad alto TER come polizze e fondi comuni (ti dirà cazzate tipo che sono “illiquidi” e sono soggetti a “rischio emittente” per intimorirti, ma tu sorridi sarcasticamente);
  • Infine, per il colpo di grazia, chiedi qual è il drowdown dei prodotti (massima perdita auspicabile) e sarà come il colpo di grazia per la maggior parte dei tori morenti in corrida!

Le risposte e il comportamento del consulente ti daranno molti dati circa la sua preparazione. Se è intelligente, capirà che tu tieni ai tuoi sudati soldi e vorresti che anche il tuo gestore facesse altrettanto. Come già detto, molto dipenderà dall’entità del tuo patrimonio, quindi, non potrai pretendere il miglior gestore con 50.000€ in portafogli, ma già esser edotto circa le tue possibilità, fidati, è un grande passo avanti.

Infine, i consulenti hanno un codice etico e deontologico da rispettare, fai leva su di essi quando noti comportamenti apparentemente devianti. La fiducia in essi è un valore che si coltiva nel tempo, con i risultati, non con le chiacchiere!

Questi sono solo i primi passi verso la tua piena consapevolezza finanziaria. Il più grande consiglio che posso darti, è quello d’acquistare il mio Bestseller che tante persone ha aiutato finora, e tante ne aiuterà ancora in seguito! E’ un piccolo, ma necessario sacrificio per il tuo futuro, non del mio!

Spero anche oggi di esserti stato utile! Non dimenticare “work hard”, informati adeguatamente e lavora duro, perché se non lavori duro non arriverai mai ad una mazza! Attendo un tuo  commento!

Tony Locorriere

Amazon Bestseller e Investitore oculato

– Riproduzione riservata –

Disclaimer:
Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate. Ti esorto a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!

CAMBIO BANCA, SONO STUFO!

quale banca scegliere?

Cambiare banca, ne vale la pena?

Sempre più clienti delusi e scontenti dalle Banche tradizionali, cercano alternative e spesso mi sento chiedere: ma come si cambia e si sceglie la nuova banca? La nuova legge che regolamenta i cambi di conto è la “Direttiva europea sui pagamenti” (Pad), che annovera essenzialmente due novità:

  1. Il “trasloco” di un conto corrente semplice, senza deposito titoli collegato, va concluso inderogabilmente entro 12 giorni lavorativi e a costo zero;
  2. la banca inadempiente pagherà una multa più una quota sulla giacenza del conto per ogni giorno di ritardo.

L’Associazione Bancaria Italiana (ABI) ha erogato una guida che spiega al correntista come traslocare, e può esser richiesta in banca o esser visionata online sul sito dell’ABI.

Cosa devo valutare prima di cambiare?

Le condizioni da valutare in una buona banca, sono molteplici, le condizioni, la trasparenza, l’affidabilità, la solidità, l’assistenza, la disponibilità, ecc. Tra i motivi più ricorrenti, ci sono le valutazioni e le comparazioni delle “condizioni” bancarie applicate. Per agevolarvi in questa giungla, consiglio di richiedere l’Indicatore sintetico di Costo annuo (Isc) che individua indicativamente il costo complessivo del prodotto, espresso in termini percentuali, su base annua. Come il TAEG, l’Isc viene calcolato secondo modalità predefinite dalla relativa disciplina comune a tutti gli intermediari. Il cliente ha il pieno diritto a ricevere un esempio di calcolo dell’Isc e la “Guida pratica” di cui sopra, in fase contrattuale. Questa mancanza potrebbe addirittura inficiare sulla validità della stipula, anche se trattasi mutuo erogato. L’Isc può essere individuale o standard e non è altri che il prezzo delle condizioni bancarie. Ma occhio! Da solo non è per nulla esaustivo del reale servizio che sta acquisendo, perchè non sempre ciò che è più economico è migliore, anzi!

Vediamo i tre parametri Isc:

1-La media di costo dei conti correnti tradizionali delle più grandi banche italiane, oscilla tra 89 e 137€ per i conti destinati ai Giovani e famiglie a bassa operatività. Per i pensionati scendiamo da 84 ai 125€.

2-Commissioni alla clientela, come Il canone della carta di credito che dovrebbe restare sotto i 32€, l’esoso bonifico allo sportello in contanti sotto i 6-7€ è quello con addebito in conto sotto i 4€. Utenze allo sportello (da evitare) per cassa a 4-5€, infine, Il prelievo al bancomat di altra banca deve aggirarsi al massimo sui 2€. Anche la richiesta elenco movimenti dallo sportello ha un costo di 0,6€, ma siamo impazziti?

3-Ok, abbiamo visto le spese, ma i rendimenti? Rasseganti, sono in media lo 0,03% mentre i tassi passivi nominali massimali sono sul 18% in media mentre è in media di 36,6€ la commissione di istruttoria veloce legata allo scoperto.

Ma devo scegliere una banca tradizionale o una online?

Tempo di cambiare banca!Che domande, Online ovviamente! Il perché è molto semplice. Le transazioni online ormai sono percepite come sicure e garantite e quindi stanno dilagando. Considera quante spese effettui in rete! Considera quante volte utilizzi le carte! Ti farebbe schifo risparmiare da 80 a 150€ l’anno? Allora molla il tuo vecchio conto tradizionale e passa ad una banca evoluta, che ti farà risparmiare denaro e tempo perchè sarà il personal banker a venire da te, a casa o in ufficio, e non viceversa come in passato! Si, ma quale conto aprire? Ti consiglio disinteressatamente Fineco Bank perchè è la banca col più grande coefficiente di soddisfazione del cliente, ed io sono uno di essi da tanti anni ormai. Benchè non sia la più economica, ti mette a disposizione strumenti che pochi concedono, per fare anche tutto in perfetta autonomia, come piace a me!

Quello dell’home banking è un vero fenomeno di massa. Il 54% dei correntisti online, pari a circa 6 milioni di persone, hanno aperto un nuovo conto online negli ultimi due anni! Tu, l’hai fatto? Che aspetti? O sei tra quel 20% ci sta pensando!

I costi del conto online sono vicino allo zero in tutto, specie per il “conto arancio” di Ing Direct o “hello money” di Hello Bank. Il costo del canone della carta di credito è bassissimo rispetto alle banche tradizionali. Potrai richiedere una comodissima carta ricaricabile per le spese online in sicurezza. I Bonifici online costano zero, ricevi il carnet degli assegni comodamente a casa per poi doverlo attivare. Tanti altri servizi personalizzabili ed attivabili dal portale o da avanzatissime e premiatissime phone app, in mobilità! Che dire, la banca si sta evolvendo e non ci rimane che seguirla nella trasformazione a nostro favore.

I passi per trasferire il conto corrente:

  • Ti basterà andare sul sito della nuova banca e registrarti.
  • La nuova banca ti invierà la documentazione che dovrai firmare e rispedire.
  • Al resto penseranno a tutto loro, anche se hai un asset di titoli da trasferire. Entro 12gg lavorativi il nuovo conto sarà già aperto ed il vecchio, chiuso! Tutto qui!

Non attendere oltre, passa quanto prima ad un nuovo conto online, all’inizio tienili aperti entrambi e noterai da subito le grandi differenze! Questo è solo il primo passo verso la tua piena consapevolezza finanziaria. Il più grande consiglio che posso darti, è quello d’acquistare il mio Bestseller che tante persone ha aiutato finora, e tante ne aiuterà ancora in seguito! 

Spero anche oggi di esserti stato utile! Non dimenticare “work hard”, informati adeguatamente e lavora duro, perché se non lavori duro non arriverai mai ad una mazza! Attendo un tuo  commento!

Tony Locorriere

Amazon Bestseller e Investitore oculato

– Riproduzione riservata –

Disclaimer:
Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate. Ti esorto a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!

GUADAGNO MOTIVAZIONALE

Mi presento brevemente,

sono Tony Locorriere, i miei ambiti di interesse principali sono il money management, il Risparmio visto come prima forma di Guadagno, la finanza  personale, il trading, e la moltiplicazione delle Rendite settori decisamente tecnici,  ma nei quali certamente ravvedo, grazie alla mia esperienza ventennale nel settore, qualche importante congiunzione con la ricerca della più globale crescita personale. Tutto ciò che i miei consigliscrivo  esce dal cuore, tutti i miei consigli sono il frutto degli errori che ho commesso e che vorrei tu non incontrassi mai! Il titolo di questo articolo riporta proprio a questo mio particolare modo di pensare ed interpretare “il benessere personale, veicolato da quello finanziario“.

Sono fermamente convinto che attualmente per pervenire ad un guadagno, bisognerebbe soprattutto “essere“, non basti più sapere ma assistiamo all’obbligo d’elevarsi quotidianamente, informarsi efficacemente, formarsi decisamente e tradurre subito in azione tutto ciò che si è imparato  con  cristallina e definita motivazione e convinzione.

In un’era dove custodiamo un’enciclopedia universale nelle nostre tasche, precisamente nel nostro telefono collegato ad Internet, essere ignoranti è diventata una fatua scelta personale. Parimenti faccio notare che la materia in cui è veramente atavica la disinformazione dell’italiano medio è proprio la gestione del proprio denaro. Ve ne sarete accorti certamente parlando con i vostri amici o conoscenti. La maggior parte di essi rincorre business o opportunità improbabili, per i quali non è richiesta alcuna competenza,  magari alcun tipo di sforzo, con promesse altissime di guadagni facili, magari anche con versamenti d’ingenti investimenti senza alcuna garanzia!

Le competenze acquisite, queste rare prerogative, io le paragono alla cima di una montagna, dove la scalata necessita di molteplici sacrifici e tante rinunce, ma qualora puntassi decisamente al top in un qualsiasi settore con viva determinazione, ed arrivassi con determinazione ad ammirare finalmente il panorama da lassù, potresti comprendere con enorme soddisfazione personale, di aver dato un senso alla tua vita,  avrai permesso ai tuoi cari di ricevere tutto ciò che a te magari, non è stato concesso d’avere!

Orbene, sono qui non solo per fare chiacchiere inconcludenti, ma per darti qualche risparmio accantono investo guadagnoconsiglio per tradurre al meglio un po’ del tuo tempo in un qualcosa di tangibile. Ho unito la mia voglia irrefrenabile alla condivisione, alla mia battaglia da sempre, cioè al voler rendere facile e fruibile a tutti ciò che apparentemente può sembrare difficile. Direi, quindi, di essere pronto ad elencare i comportamenti che io chiamo “consuetudini potenzianti”, un vero e proprio “A-B-C” per aspiranti benestanti, tratti dal mio vivere quotidiano e distillati nel tempo, epurati da tutti quegli errori che io ho commesso e che non vorrei mai che tu debba affrontare. Non sono altro che dei comportamenti ripetitivi iniziali, grazie a quali potrai certamente tradurre in fatti concreti i tuoi pensieri, secondo la più classica “legge d’attrazione“, augurandoti di riscoprire i veri valori della vita e magari essere felice, come lo sono io attualmente. Da dove ho tratto queste consuetudini? Beh, dal mio nuovo ed originalissimo libro, GRATIS su Amazon, solo il week-end del lancio, il 03 Marzo 2017 ore 20.00.

sono su amazon

Questo mio originale libro  ambisce a diventare Best-seller su Amazon (uno dei miei obiettivi fissati per quest’anno). Qui in alto, ne puoi già visionare la copertina, e il titolo emblematico, che sono certo ti faccia pensare immediatamente ad un vero e proprio percorso, un viaggio a tappe, nel quale già conosci le fermate e la destinazione finale: il guadagno motivazionale, nel quale auspico una crescita reddituale ma anche “Fisio-psico-sociale“, con tante sorprese all’interno che al momento non posso svelarti!  Per convincerti della bontà del Bonus finale, e per indurti a scaricare il libro (  ), ti mostrerò sinteticamente solo le prime cinque consuetudini, le più importanti da apprendere, che ti consiglio di scaricare, stampare e leggere ogni giorno,  per creare delle vere proprie attitudini produttive. Vediamole insieme:

Le abitudini potenzianti

Contattaci o condividi la tua esperienza con noi, primariamente su:

FACEBOOK

Lascia una domanda, o un commento qui di seguito e risponderò direttamente!

Ringrazio sentitamente per il tempo che mi hai devoluto, alla tua crescita…

Tony Locorriere
Consulente esperto in Risparmi online e offline

Diritti Riservati