[INVESTO] PROGETTO STARTUP

COME COSTITUIRE UNA STARTUP?

Come nostro stile, non ci dilunghiamo troppo in cervellotiche disquisizioni ma andiamo direttamente ad uno “step by step” per la costituzione di una Azienda innovatrice: una Startup!

Inizierei con il cercare un’ispirazione, un prodotto o un’idea che sia illuminante, oppure da un prodotto già esistente e notevolmente migliorabile. Ne compreremo uno e lo studieremo nei minimi dettagli, progettando le sue migliorie e creandone un nostro prototipo.

Un secondo passo ci eviterà il flop, cioè di investire tempo, risorse e mezzi in un progetto che non piacerà a nessuno. Come fare? Semplice: tramite un’indagine di mercato. Conduci un’analisi di mercato mostrando il prototipo a una tua nicchia specifica (almeno 100 persone) anche tramite Fb ADS (50€) per capire da subito se l’idea potrà sfondare. Prendi spunto dalle critiche costruttive per rimodellalo. Avrai così già definito il tuo target di clientela ed eventuali possibili competitors. Ti rammento che la legge nr.1 del marketing, recita: chiedi cosa vuole, producilo e vendiglielo!

Ora è il momento di cercare dei cofondatori, massimo altri due, con cui condividere il progetto. Dovranno avere peculiarità diverse dalle tue per creare un team smart e coeso tramite l’interdipendenza nella quale ognuno svolge un compito differente ma ugualmente importante. Non farti illusioni però, non attenderti nulla per non rimanerne deluso e conta solo su di te come risorsa irrinunciabile!

Applica il metodo Sprint alle Startup

Per la creazione del prodotto ci vuole un metodo accreditato e lo “Sprint” lo è! Si stabilisca l’importante obiettivo sul “come volerlo”, si realizzi il determinante “Business Plan” anche in ottica sovvenzionamenti e poi, gli obiettivi personali. Fai evolvere la tua idea e modellala in corsa se reso necessario.

metodo sprint

É il momento di Analizzare il Business e ti consiglio di utilizzare l’analisi SWOT (o matrice SWOT) che è uno strumento di pianificazione strategica usato per valutare i punti di forza (Strengths), le debolezze (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats) di un progetto o in un’impresa o in ogni altra situazione in cui un’organizzazione o un individuo debba svolgere una decisione per il raggiungimento di un obiettivo. L’analisi può riguardare l’ambiente interno (analizzando punti di forza e di debolezza) o esterno di un’organizzazione (analizzando minacce ed opportunità).

Procedura S.W..O.T.

  • Punti di forza: le attribuzioni dell’organizzazione che sono utili a raggiungere l’obiettivo;
  • Debolezze: le attribuzioni che sono dannose per raggiungere l’obiettivo;
  • Opportunità: condizioni esterne che sono utili a raggiungere l’obiettivo;
  • Rischi: condizioni esterne che potrebbero recare danni alla performance.
analisi swot

Un passo davvero determinante quando ha già compreso l’orizzonte del business è: la consulenza legale/fiscale. Per splittare l’investimento tra i soci e definire così la divisione della compagine societaria (vesting in inglese). Ti anticipo che necessiterai delle seguenti figure chiave che dovranno dividersi tutte le competenze:

  • Designer research e developement prodotti
  • Responsabile produzione/importazione
  • Programmatore
  • Marketing expert
  • Venditore e public relator
  • Consulenti contabili, legali e assicuratori .

Hai già valutato i costi orientativi d’impresa? Nel business plan dovrai ponderare le tue risorse finanziarie, identificando papabili fonti di investimento al di fuori dei fondatori. Questo è un Business innovativo e ti consiglio di esplorare anche fonti alternative di finanziamento come il Crowdfunding.

Sappi già da subito che dovrai pagare, nell’ordine: Staff, fornitori, conti e founders. Le risorse a tua disposizione potranno essere reperite, oltre al crowdfunding, da altre fonti quali: risparmi, prestiti (da te e altri founders), Bonus governativi, Investitori, concessioni, ecc.

La Startup prende forma

Ebbene si, di massima, avrai già un quadro esausito ed utile di ciò che stai creando! Fossi in te, cercherei una location adeguata e penserei ad un buon servizio di assistenza clienti che ritengo davvero necessario. Il responsabile marketing deve esser messo già al lavoro con il suo plan, per aver il tempo di testare adeguatamente per poi ottimizzare al meglio. Esso partorirà anche il nome migliore per la Società per poterlo poi registrare, unitamente a un sito e pagine dedicate su ogni social.

Grazie ai consulenti, fatti consigliare al meglio circa la miglior forma di organizzazione, come poterla registrare, che tipo di conto corrente bancario dovrai affiancare, quanto e come dovrai spendere, ecc.

Iniziamo a produrre?

Passati circa sei mesi per realizzare il tutto, finalmente avvierai la produzione del prodotto e la sua commercializzazione! Il denaro comincerà a fluire anche se all’inizio sarà davvero dura ma non demoralizzarti, non defocalizzarti con inutili distrazioni e vedrai che la spunterai realizzando precocemente i primi guadagni necessari al completamento della Società.

Avrai tempo per pensare ad espanderti in altri mercati e magari a listare la società in Borsa. I grossi guadagni deriveranno dalla vendita graduale delle tue azioni, mantenendo il tuo ruolo nell’Amministrazione oppure attuando una “exit strategy” per uscire dalla Società dietro forte compenso!

PERCHÉ LE STARTUP FALLISCONO?

perchè falliscono le stratup?

Sinteticamente, provo a trattare i motivi in ordine di importanza decrescente secondo i quali le Startup falliscono miseramente nonostante tutti gli aiuti previsti al loro sostentamento:

  • Il mercato non ha bisogno di quel determinato prodotto, hai realizzato un qualcosa che pochi vogliono o la sua nicchia è troppo marginale, oppure l’idea risulta poco originale.
  • La società va sotto le capacità di saldo (out of cash), per eccessiva velocità nel lancio senza il supporto di dati analitici e dei fondi necessari per aver scelto investitori inefficienti.
  • Il team non è quello giusto per divisione delle competenze, compiti, spese e responsabilità; oppure sei un accentratore, unico testardo fondatore, dove devi fare tutto tu fino al crash.
  • Non riesce a competere a causa di scarsa esperienza, motivazione o fondi, o hai scelto consulenze o piattaforme errate.
  • Problemi di Costo/beneficio, se i costi tendono a ridurre i guadagni oltre le attese.
  • Prodotto povero, se il focus non è sul prodotto, il cliente lo riterrà inadeguato al prezzo
  • Nessun modello di business, una grande idea non è abbastanza! Ci vuole una strategia di monetizzazione, da subito!
  • Marketing povero, prima e dopo, perché molti pensano che un grande prodotto debba vendersi da solo, sbagliato! Anche per la lentezza nel lancio sul mercato potrebbe incidere tanto.
  • Ignorare i clienti per assenza o malfunzionamento del costumare care
  • distrazioni e dispute tra fondatori potrebbero allontanare il focus dal cliente finale, oppure sacrificare clienti consolidati per guadagnare di più.
  • Tempistica idonea, cioè lanciare troppo in fretta o troppo lentamente può dare problemi.
  • Perdita del focus, cambiando visione e idee distogliendosi dal prodotto ad altro.
  • Disarmonia con gli investitori, le idee di tutti vanno ascoltate e trattate.
  • I perni del business si deteriorano, l’analisi dei dati e tutto e devono essere orientati alla crescita.
  • Perdita di passione, quando si è più orientati al profitto che all’idea di innovare.
  • Location non idonea, non è stimolante e non da la necessaria giusta audience.
  • Scarso interesse di clienti e investitori, si verifica quando l’idea ha scarso interesse potenziale.
  • Sfide legali, possono abbattere la startup nella sua fase di crescita in altri settori.
  • Non si sfruttano le proprie reti e quelle degli investitori, senza di esse non avrai la giusta trazione.
  • Burnout, ti bruci quando infondi tanta passione e non vedi risultati idonei alla tue aspettative.
  • Il sentore di fallimento, delude il team, investitori, impiegati, clienti. Il non aver chiesto aiuto quando pensavi di averne bisogno, potrebbe esser letale.
  • Le cattive assunzioni di consulenti/coworkers incapaci (programmatori, legali, distributori, ecc.)
  • Non saper gestire l’eventuale successo esplosivo!
  • Non aver voglia di lavorare in prima persona, o i pochi sforzi con poco coraggio!

Abbiamo terminato anche per oggi! Dovessi aver dimenticato qualcosa, fammelo notare con un commento o una richiesta d’ulteriori informazioni! Spero di esserti stato utile anche con quest’articolo e ti attendo al prossimo!

Grazie per l’attenzione! Tony Locorriere

Ti attendo su Amazon, per ricordarti che il miglior investimento in assoluto è qullo in conoscenza ed un buon inizio potrebbe essere quello di reperire i miei Bestseller, cliccando qui! per scaricare GRATIS i primi capitoli. Tony Locorriere

lascia un commento

Diritti riservati da me medesimo

COME MINARE BITCOIN ALL’INFINITO

come minare bitcoin

Cosa è il Bitcoin?

Abbiamo già trattato quest’argomento in altro pregevole articolo (clicca qui per leggerlo) e vorremmo completarlo per approfittare del fenomeno Bitcoin. Essa è la Cryptovaluta per eccellenza, una valuta digitale , nata nel 2009, ed ha segnato il dilagante fenomeno che attualmente annovera centinaia di altre cryptovalute in tutto il mondo. 

Il successo è stato decretato dal fatto che non esiste alcuna autorità centrale che le controlli, e le transazioni avvengono liberamente all’interno della stessa rete. E’ l’anonimato che ricopre la compra-vendita e che ne garantisce la continua escalation, finché authority nazionali non ne proibiranno l’utilizzo a causa del forte ed incontrollabile riciclaggio di denaro di dubbia provenienza. 

Per meglio comprendere il fenomeno esplosivo, ti consiglio di visionare questo contributo giornalistico, per il quale si ringrazia Sky Tg24.

Cos’è e come si minano Bitcoin?

Minare (da “To Mine” =estrarre) significa semplicisticamente appropriarsi di porzioni di Bitcoin generati e rilasciati casualmente dalla rete. Mi spiego meglio! Per poterne ricevere bisognerebbe dotarsi di strumentazione tecnologica ad alto costo, capace di generare notevole potenza di calcolo. Più alta è la potenza di calcolo e più alte probabilità avrò di riceverne dalla rete! Necessiterebbero grossi fondi per approvvigionarsi di PC idonei, enormi server, software Guiminer, apparati miner (anche su Ebay), kit per elevare la potenza di calcolo e configurazione. 

Devi innanzitutto sapere che la rete bitcoin funziona in strutture di dati chiamate in gergo “catene dei blocchi”. La principale piattaforma  di negoziazione di cryptovalute si chiama appunto “Blockchain“. 

I sistemi monetari convenzionali stampano valute senza valore intrinseco e la emettono in circolazione tramite le Banche Centrali. Il Mining, invece, è stato ideato dai fondatori del sistema (ancora sconosciuti, si parla di tale Satoshi Nakamonto) per risolvere il problema di come emettere nuova moneta digitale. 

Il sistema è stato progettato per “elargire” bitcoin come premio ai componenti della rete che forniscono potenza elaborativa per fortificare la stessa. Poi, casualmente, la rete distribuisce bitcoin proporzionalmente alla potenza aggiunta. Capisci ora perchè nascono decine di siti nei quali ti puoi iscrivere, anche gratis, e puoi invitare i tuoi amici? Per aumentarne la potenza di calcolo, magari reinvestendo i versamenti dei sottoscrittori!

Chi lo ha fatto tra i primi, attualmente può vantare migliaia di Bitcoin in portafogli e pensa solo al fatto che alla metà di Maggio 2017, essa ha raggiunto il prezzo record di 1700$ per renderti conto delle grandezze di cui parliamo!

Attualmente il sistema si auto regolamenta ed ha fortemente ridimensionato il guadagno medio giornaliero per singola macchina. E’ passato a pochi centesimi, inducendo i minatori a unirsi nelle cosiddette “mining pool”, per garantire un afflusso di denaro più costante rispetto al solo mining.

Una cosa che in pochi sanno è che banche  e aziende USA hanno finanziato la programmazione della Blockchain. Voglio farti capire che le banche conoscono benissimo le potenzialità delle valute digitali, tanto da entarci da protagoniste. Molte altre, insieme ad istituzionali, investono pesantemente su questa tecnologia.

Il continuo aumento della domanda, determina e determinerà l’elevazione del prezzo. Investire una minima percentuale del proprio patrimonio, secondo i consigli tratti dal nosto libro, è senz’altro un’ottima idea in ottica di diversificazione speculativa del portafogli. 

Come investire in Bitcoin?

Abbiamo visto che minare una criptovaluta è sicuramente un sistema che ha bisogno di professionisti superpagati. Dopo aver perso le speranze per farlo da soli, le uniche semplici alternative, dopo aver aperto un e-wallet, un portafogli elettronico su Blockchain, sono:

La compravendita dallo stesso e-wallet o  Bitstamp, se hai capacità acquisite da trader.

Acquisto di pacchetti in uno dei migliaia di siti o Network che “noleggiano” a investitori i “miners” per minare criptovalute, non solo BitCoin, ma anche LiteCoin, PeerCoin, Ripple, etc. Più grosso sarà l’investimento e maggiore sarà la capacità di calcolo e di creazione di capitale.

Si potrebbero acquistare anche CFD, diffusi e conosciuti strumenti, ma solo se hai acquisito capacità di trading!

Strano ch non ci siano degli ETF che diversifichino il rischio sulle crypto, ma so che sono n fase avanzata di produzione!

Infine, se sei completamente a digiuno in finanza, ti consiglio di iscriverti gratuitamente ad uno dei seguenti servizi, o anche a tutti, dopo aver effettuato l’ingresso nella piattaforma Blockchain, per beneficiare del potere del mining. Se vorrai, potrai effettuare Upgrade a pagamento per aumentare le capacità di estrazione, tramite il versamento di piccolissime somme dal tuo account, verso il Miner. Alcuni servizi gratuiti, con possibilità di Upgrade, sono:

BTCProMiner BITMinerBITFunKryptoTrendBRMineEOBot Genesis MiningBTCProMiner 

Orbene, creati una strategia, un metodo pianificato su carta e poi applicalo alla realtà. Ho condiviso il mio nel libro e per pochi Euro potrai utilizzarlo con facilità, potendomi così ringraziare degli sforzi compiuti per scriverlo così minuziosamente!

Spero anche oggi di esserti stato utile! Non dimenticare “work hard”, informati adeguatamente e lavora duro, perché se non lavori duro non arriverai mai ad una mazza! Attendo un tuo  commento!

Tony Locorriere

Amazon Bestseller e Investitore oculato

– Riproduzione riservata –

Disclaimer: Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate. Ti esorto a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!

AFFITTI BREVI, BOOM AIRBNB!

affitto breve con airbnb

Cosa si intende per “Affitto breve”?

S’intendono quegli affitti (locazioni) da un minimo di tre notti ad un massimo di un anno. Sul suolo nazionale stiamo assistendo ad un vero e proprio boom di richieste, grazie a portali come Airbnb, Tripadvisor, HomeAway e Halldis, sommersi di richieste che spesso non riescono ad essere evase.

Perchè variare filosofia d’affitto, sul breve?

Semplice, per i seguenti motivi:

  • Moltiplicare le entrate (l’affitto breve riesce a triplicarle); 
  • Al momento non è obbligatoria la registrazione all’agenzia delle Entrate, perché assolvono necessità di tipo turistico-vacanziero per meno di 30 gg. nell’anno, ma è comunque d’obbligo il pagamento delle imposte che ho trattato più avanti nell’articolo;
  • Mantenere propria la disponibilità dell’immobile nel breve periodo; 
  • Non ci si lega a inquilini per molto tempo;
  • Notevole richiesta alloggiativa.

I numeri del mercato degli affitti brevi

Prendiamo l’esempio più eclatante: l’affittuario, il “Business Host” su Airbnb. Questo portale,  nel solo 2015, ha ricevuto oltre 3 milioni di ospiti. Il trend è UP, in continua crescita. Nel 2016, è salito del 40%. Gli affitti giornalieri devono essere più bassi di Hotel e B&B, altrimenti non ci sarà appeal, non ci sarà richiesta. Dipenderanno:

  • Dalla città in cui hai l’immobile ed ovviamente saranno più alti nelle città turistiche.
  • Dalla location e dal tipo di accomodamento che offri, e se più ricercato, potresti chiedere anche fino a 100€ a notte e oltre, che moltiplicati per i giorni del mese, già una sola stanza ti potrebbe rendere più di uno stipendio netto convenzionale.

Cosa ne pensa il fisco?

Vediamo cosa dovrebbe cambiare dal 1° Giugno con la nuovaAgenzia delle entrate su affitti tassazione sul canone di locazione sugli affitti brevi (tassa Airbnb 2017), tratta dalla nuova Manovra di Aprile, qualora dovesse essere approvata in via definitiva.

Per molti finisce la pacchia, perché spunta la tassa che prevedel’obbligo per gli intermediari immobiliari fisici e online che gestiscono le locazioni di appartamenti, case vacanza, ville, anche mediante piattaforme web, di applicare all’atto del pagamento da parte dell’affittuario (“ritenuta alla fonte”), una cedolare secca con aliquota al 21% sul canone di locazione. Di seguito l’intermediario stesso, considerato “sostituto d’imposta”, una volta ricevuto il pagamento, sarà tenuto a riversare all’Erario, la cedolare del 21% e a rilasciare la certificazione fiscale “unica” al proprietario. Se non lo si farà, per l’intermediario sarà prevista una sanzione da 200 a 2.000 Euro.

In virtù di questa norma, i proprietari o gli intermediari, dovranno elevare i costi giornalieri, mantenendo però integra l’appetibilità verso questi alloggi. Per i proprietari o gestori saranno quasi azzerati gli oneri di trasmissione dati, riscossione affitti e pagamento dei corrispettivi fiscali, che dovranno essere devoluti agli intermediari. Bella notizia? Non per tutti, perché con la tassa airbnb, si avrà l’obbligo di far pagare le imposte direttamente agli intermediari, dicendo addio all’evasione fiscale sulle locazioni brevi, premiando così tutti coloro che hanno finora pagato regolarmente e, inoltre, elevando le entrate nelle casse del nostro bistrattato paese, vittima dell’elusione dei troppi furbi. 

Attendiamo riscontri ufficiali in merito, ai primi di Giugno 2017.

Per cavalcare il business degli affitti transitori?

rendita con gli affittiDovresti ovviamente disporre di un immobile al posto giusto, arredato con gusto, organizzato, pulito e seguire questi consigli:

  • Fai Outsourcing, richiedi cioè opportuna consulenza fiscale competente per capire qual è la strada migliore da percorrere: se sfruttare la tua Società, la tua P.I., richiedere licenza per attività ricettiva non alberghiera come Affittacamere (entro i 12 posti letto) o B&B (max 4 stanze) o Appartamenti per vacanze (max 3 nello stesso territorio comunale). Il professionista dovrebbe conoscere le regolamentazioni delle leggi sul turismo e quindi, consigliarti al meglio sul da farsi.
  • Una volta individuato il tuo target di riferimento, fai Branding (evidenzia il tuo marchio) per distinguerti dalla concorrenza, costruisci un’efficace “rete mediatica” tramite un sito personale-Google Business e i social Network più diffusi. All’inizio dovrai anche investire in traffico a pagamento con i Facebook e Google Ads. Questo argomento specifico, sarà trattato nel mio prossimo libro, per aiutare centinaia di persone, ad emergere tramite il mio esempio!
  • Aggregati a persone che offrono gli stessi servizi in modo tale da poter risolvere meglio le varie problematiche che si presenteranno. 
  • Punta sulla qualità e sulle ottimizzazioni della presentazione, dell’igiene, del servizio offerto, delle tariffe e ne sarai ripagato con ottime seguitissime recensioni!
  • Proteggi le persone ed il tuo business con appropriate assicurazioni, come la responsabilità civile e contro l’incendio, che a fronte di poche centinaia di Euro, concedono notevole serenità non solo psicologica.

Spero anche oggi di esserti stato utile, ti lascio attendendo un tuo commento o una domanda a cui risponderò quanto prima. potrai trovare ulteriori informazioni nell’apposita pagina “IMMOBILIARE” nei “nostri siti”.

Non dimenticare… work hard, informati adeguatamente e lavora duro, perché se non lavori duro non arriverai mai ad una mazza!

Tony Locorriere

Amazon Bestseller e Investitore oculato

– Riproduzione riservata –

Disclaimer: Questo articolo viene diffuso a solo scopo didattico e NON può essere considerato sollecitazione all’investimento. Il sito web non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate, ma ti esorta a contattare il tuo personal banker per concordare un piano secondo le tue propensioni al rischio. Grazie!